Sistema Tessera Sanitaria: per dati 2020 scadenza prorogata dal 31/1 all’8 febbraio 2021

di Vincenzo D'Andò

Pubblicato il 25 gennaio 2021



Il termine per la trasmissione dei dati relativi alle spese dell’anno 2020 al Sistema Tessera Sanitaria viene rinviato all’8 febbraio 2021.

sistema tessera sanitariaSistema Tessera Sanitaria: provvedimento di proroga

A causa di problemi tecnici, rilevati dalla Sogei Spa nelle giornate del 19, 20 e 21 gennaio 2021, si sono registrate delle difficoltà per la trasmissione al Sistema Tessera Sanitaria da parte dei soggetti tenuti all’invio delle spese sanitarie, con riguardo ai dati delle operazioni dell'anno 2020.

Al riguardo, alcune associazioni federative hanno manifestato l’esigenza di una proroga dei termini per assicurare la trasmissione di informazioni il più possibile corrette e complete ai fini della predisposizione della dichiarazione precompilata.

Ti segnaliamo la pubblicazione del Decreto del MEF del 29/1/2021. Puoi trovare il testo completo all'articolo: Trasmissione dati Tessera Sanitaria 2020 e nuove scadenze 2021 semestrali: Decreto del MEF del 29 gennaio 2021

 

La proroga è breve, all'8 febbraio

Pertanto, d’intesa con il Ministero dell’Economia e delle Finanze, viene prevista una proroga di 8 giorni per la scadenza del 31 gennaio 2021 prevista per la trasmissione al Sistema Tessera Sanitaria delle spese sanitarie riferite all’anno 2020, senza impatti quindi sul calendario della campagna dichiarativa 2021.

Con decreto del Ministero dell’Economia e delle Finanze, quindi, sarà previsto che il termine per la trasmissione dei dati delle spese sanitarie riferite all’anno 2020 al Sistema Tessera Sanitaria sia rinviato dal 31 gennaio all’8 febbraio 2021.

Tale proroga si intende riferita alla trasmissione dei dati delle spese sanitarie da parte di tutti i soggetti tenuti a tale adempimento in base alla normativa vigente.

Conseguentemente, al fine di non alterare il sistema di tutela della privacy approvato, slitta anche la data entro la quale i contribuenti potranno comunicare la propria opposizione all’utilizzo delle spese sanitarie sostenute nell’anno 2020 per l’elaborazione della dichiarazione precompilata.

Con il provvedimento dell'Agenzia delle entrate n. 29765 del 22 gennaio 2021 sono state previste delle deroghe ai termini individuati dal provvedimento del direttore dell’Agenzia delle entrate n. 115304 del 6 maggio 2019, per consentire agli assistiti, per l’anno 2021, di esercitare la propria opposizione all’utilizzo delle spese sanitarie per l’elaborazione della dichiarazione precompilata.

In particolare l’opposizione può essere esercitata fino all’8 febbraio 2021 (anziché fino al 31 gennaio), con riferimento ai dati aggregati relativi ad una o più tipologie di spesa, mediante apposita comunicazione all’Agenzia delle entrate, e dal 16 febbraio 2021 al 15 marzo 2021 (anziché dal 9 febbraio all’8 marzo), in relazione ad ogni singola voce di spesa, accedendo direttamente all’area autenticata del sito web del Sistema Tessera Sanitaria.

Infine, con il provvedimento viene spostato dal 9 marzo 2021 al 16 marzo 2021, il termine entro il quale il Sistema Tessera Sanitaria mette a disposizione dell’Agenzia delle entrate i dati delle spese sanitarie 2020 e dei relativi rimborsi.

 

Il provvedimento

In deroga al provvedimento n. 115304 del 6 maggio 2019, riguardante le modalità tecniche di utilizzo dei dati delle spese sanitarie e delle spese veterinarie ai fini della elaborazione della dichiarazione dei redditi precompilata a decorrere dall’anno d’imposta 2019, esclusivamente riguardo i dati relativi alle spese sanitarie sostenute nel 2020 e ai relativi rimborsi:

  • ai fini dell’elaborazione della dichiarazione dei redditi precompilata, il Sistema Tessera Sanitaria, dal 16 marzo 2021, mette a disposizione dell’Agenzia delle entrate i dati consolidati, nonché i dati delle spese sanitarie e dei relativi rimborsi comunicati da parte degli ulteriori soggetti obbligati alla trasmissione telematica dei dati delle spese sanitarie al Sistema Tessera Sanitaria in base alla normativa vigente.

L’opposizione a rendere disponibili all’Agenzia delle entrate i dati delle spese sanitarie e dei relativi rimborsi per l’elaborazione della dichiarazione dei redditi precompilata può essere effettuata:

  1. con riferimento ai dati aggregati relativi ad una o più tipologie di spesa, fino all’8 febbraio 2021, comunicando all’Agenzia delle entrate, oltre alla tipologia di spesa da escludere, il proprio codice fiscale, i dati anagrafici e il numero di identificazione posto sul retro della tessera sanitaria con la relativa data di scadenza, con le modalità previste dal punto 2.4.5 del provvedimento del 6 maggio 2019;
     
  2. in relazione ad ogni singola voce, dal 16 febbraio 2021 al 15 marzo 2021, accedendo all’area autenticata del sito web dedicato del Sistema Tessera Sanitaria tramite tessera sanitaria TS-CNS oppure tramite le credenziali Fisconline rilasciate dall’Agenzia delle entrate, con le modalità previste dal punto 2.4.4 del provvedimento del 6 maggio 2019.

 

NdR: potrebbe interessarti anche: Spese sanitarie al Sistema Tessera Sanitaria: invio mensile dei dati dal 2021
Un dossier completo lo puoi consultare qui: Nuovi dati e invio mensile al Sistema Tessera Sanitaria per le spese sanitarie

 

A cura di Vincenzo D'Andò

Lunedì 25 gennaio 2021

 

Informazioni estrapolate dal Diario Quotidiano di CommercialistaTelematico