Partecipazione alle procedure per l’affidamento di appalti pubblici: il requisito della regolarità fiscale

Il requisito di regolarità fiscale, quale presupposto per la partecipazione alle procedure di affidamento di un appalto, risponde all’esigenza di garantire l’Amministrazione relativamente alla solvibilità e solidità finanziaria del soggetto con il quale essa contrae. Esaminiamo come il Decreto Semplificazioni è intervenuto in materia di contratti pubblici. Quali modifiche ha apportato?

La regolarità fiscale negli appalti pubblici: premessa

appalti pubblici regolarità fiscaleL’art. 8, comma 5, lett. b), del decreto legge 16 luglio 2020, n. 76 (DL Semplificazioni), reca modifiche al Codice dei contratti pubblici di cui al D.Lgs. n. 50/2016.

La citata lett. b), modifica la disciplina dei motivi di esclusione recata dall’art. 80 del Codice dei contratti pubblici (D.Lgs. n. 50/2016).

E’ motivo di esclusione negli appalti la pendenza di accertamenti fiscali non definitivi?

Nelle certificazioni di cui all’art. 80, comma 4, del D. Lgs. n. 50/2016, devono essere evidenziati separatamente i carichi definitivamente accertati[1] da quelli non definitivamente accertati e rilevanti per effetto del mancato rispetto degli obblighi o degli impegni di pagamento assunti e ciò anche se non siano ancora transitati tra le pendenze definitive?

Il presente contributo vuole fornire una precisa risposta a siffatti quesiti alla luce del decreto legge 16 luglio 2020, n. 76 (DL Semplificazioni).

Per approfondire l’argomento puoi leggere anche:

“D.L. Semplificazioni e cause di esclusione dalle gare di appalto”

 

Appalti pubblici: novella normativa

L’articolo 80, comma 4, del decreto legislativo 18 aprile 2016, n. 50 (Codice degli appalti pubblici), prevede che un operatore economico è escluso “… dalla partecipazione a una procedura d’appalto se ha commesso violazioni gravi, definitivamente accertate, rispetto agli obblighi relativi al pagamento delle imposte e tasse o dei contributi previdenziali, secondo la legislazione italiana o quella dello Stato in cui sono stabiliti.

I requisiti ai fini dell’esclusione dalla procedura di appalto sono, pertanto, due:

  1. la violazione deve essere “grave” e la violazione è tale quando l’omesso pagamento di imposte e tasse è “superiore all’importo di cui all’articolo 48-bis, commi 1 e 2-bis, D.P.R 29 settembre 1973, n. 602”;
     
  2. la violazione deve essere “definitivamente accertata” e, sono tali “quelle contenute in sentenze o atti amministrativi non più soggetti ad impugnazione”.

Il decreto legge 16 luglio 2020, n. 76 (DL Semplificazioni), convertito dalla Legge 11 settembre 2020, n. 120, con l’art. 8, comma 5, lettera b), ha modificato il predetto comma 4 dell’art. 80 del Codice degli appalti pubblici, inserendo una nuova previsione in virtù della quale un operatore economico:

“…..può essere escluso dalla partecipazione a una procedura d’appalto se la stazione appaltante è a conoscenza e può adeguatamente dimostrare che lo stesso non ha ottemperato agli obblighi relativi al pagamento delle imposte e tasse o dei contributi previdenziali non definitivamente accertati qualora tale mancato pagamento costituisca una grave violazione…”. [2]

Ai sensi dell’ultimo periodo del comma 4 del vigente art. 80, l’esclusione non si verifica “quando l’operatore economico ha ottemperato ai suoi obblighi pagando o impegnandosi in modo vincolante a pagare le imposte o i contributi previdenziali dovuti, compresi eventuali interessi o multe, ovvero quando il debito tributario o previdenziale sia comunque integralmente estinto, purché l’estinzione, il pagamento o l’impegno si siano perfezionati anteriormente alla scadenza del termine per la presentazione delle domande

Si prevede una modifica all’art. 80 del Codice dei contratti pubblici, il quale disciplina l’esclusione dell’operatore da parte della stazione appaltante in presenza delle irregolarità indicate.

Il comma 4, dell’art. 80, disciplina nella versione ante Decreto Semplificazioni i casi di esclusione per gravi violazioni (definitivamente accertate in quanto contenute in sentenze o atti amministrativi non più soggetti ad impugnazione) commesse dall’operatore economico concernenti gli obblighi relativi al pagamento di imposte e tasse o di contributi previdenziali.

Integrando tale previsione, la modifica contenuta nel Decreto Semplificazioni consente la facoltà di esclusione…

Contenuto disponibile esclusivamente agli utenti abbonati
Per continuare a leggere il contenuto di questo articolo è necessario essere abbonati. Se sei già un nostro abbonato, effettua il login attraverso il modulo di autenticazione posto in cima alla pagina. Se non sei abbonato o ti è scaduto l'abbonamento, che aspetti?
Condividi:
Maggioli ADV
Gruppo Maggioli
www.maggioli.it
Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it www.maggioliadv.it