Il lavoro extra nel settore turismo e pubblici esercizi: la gestione operativa

Un’approfondita analisi della normativa che regolamenta il cosiddetto lavoro extra, un istituto introdotto dal nostro ordinamento per fronteggiare l’aumento della domanda di mercato nel settore del turismo e dei pubblici esercizi.

Premessa generale

lavoro extra settore turismoIl lavoro extra è un istituto dedicato al “settore del turismo e dei pubblici esercizi” introdotto nell’ordinamento giuridico con lo scopo di individuare soluzioni organizzative capaci di aiutare le imprese a fronteggiare la domanda di mercato (sono comprese in tale ambito, anzitutto, le attività ricettive (alberghi, villaggi, campeggi, etc.), di somministrazione di alimenti e bevande (bar e ristoranti), dell’intermediazione (agenzie viaggi).


Nota

La legge non stabilisce una specifica disciplina del lavoro extra ma si limita a definire gli ambiti di manovra entro i quali la contrattazione collettiva può provvedere alla individuazione degli speciali servizi per la cui esecuzione è ammesso il ricorso a questa particolare tipologia di impiego (è richiesto l’intervento dei sindacati locali o nazionali aderenti alle confederazioni maggiormente rappresentative sul piano nazionale).


Il lavoro extra di durata non superiore ai tre giorni: analisi della normativa generale

Nel settore del turismo ed in quello dei pubblici esercizi è possibile ricorrere all’assunzione di manodopera mirata all’esecuzione di speciali servizi di durata non superiore a tre giorni (lavori “extra” e “di surroga”), secondo quanto previsto dai contratti collettivi stipulati con i sindacati locali o nazionali (il personale extra e di surroga può essere assunto e lavorare regolarmente per un massimo di 3 giorni consecutivi).

I punti salienti della normativa da tenere in considerazione sono i seguenti:

1) assunzione dei lavoratori extra

come stabilito dall’art. 93 del CCNL Turismo e Pubblici Esercizi in merito a “speciali servizi” per i quali si può accedere a lavoratori extra o in surroga è consentita l’assunzione diretta di manodopera per una durata non superiore a tre giorni per le seguenti mansioni:

  • banquetting;
     
  • meeting, convegni, fiere, congressi, manifestazioni, presenze di gruppi nonché eventi similari;
     
  • attività di assistenza e ricevimento agli arrivi e alle partenze in porti, aeroporti, stazioni ed altri luoghi similari;
     
  • prestazioni rese in occasione dei fine settimana;
     
  • prestazioni rese in occasione delle festività;
     
  • ulteriori casi individuati dalla contrattazione integrativa, territoriale e/o aziendale (in riferimento all’ultimo punto si porta ad esempio il contratto integrativo di Milano per il settore alberghiero che consente l’assunzione diretta di lavoratori extra in sostituzione di assenze non previste o non programmabili di personale in organico (malattia, infortunio, congedi e permessi) per periodi non superiori ai primi 3 giorni ovvero il contratto integrativo per la provincia di Roma dello stesso settore che stabilisce che il lavoro extra è ammesso di regola per i servizi di cucina, sala e piano).

Nota

Il banquetting ha costituito il primo e principale motivo di ricorso al lavoro extra e nella specifica terminologia sono ricomprese tutte le attività di gestione dei banchetti, indipendentemente dal comparto in cui opera l’azienda (ristorazione, tradizionale o moderna, ristorazione d’albergo o di altra attività ricettiva, catering, bar, etc.) e dalla relativa specializzazione.

Per quanto riguarda invece il lavoro reso nel fine settimana il lavoro extra è utilizzabile per far fronte ai picchi di clientela ritenendo corretto che in tale periodo possa essere svolta qualunque tipo di prestazione lavorativa (purché collocata nel fine settimana e durante le festività).

Per l’esatta collocazione della prestazione durante il fine settimana si richiama, in via analogica, quanto a suo tempo stabilito per il lavoro intermittente, per cui le prestazioni da rendersi nei fine settimana, si possono collocare dalle ore 13 del venerdì, fino alle ore 6 del lunedì mattina.

La contrattazione collettiva ha inoltre previsto la possibilità di utilizzare i lavoratori extra in caso di rinforzi temporanei dell’organico conseguenti ad un incremento…

Contenuto disponibile esclusivamente agli utenti abbonati
Per continuare a leggere il contenuto di questo articolo è necessario essere abbonati. Se sei già un nostro abbonato, effettua il login attraverso il modulo di autenticazione posto in cima alla pagina. Se non sei abbonato o ti è scaduto l'abbonamento, che aspetti?
Condividi:
Maggioli ADV
Gruppo Maggioli
www.maggioli.it
Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it www.maggioliadv.it