Dividendi di Fonte Americana: ritenute alla fonte e trattamento fiscale in Italia

In questo articolo affrontiamo l’argomento del trattamento fiscale dei dividendi di fonte Americana da parte sia di un Cittadino Americano residente in Italia, sia di un Cittadino Italiano ivi residente.
L’argomento viene trattato avendo a riguardo la Dichiarazione Italiana, la trattenuta alla fonte nonché l’eventuale compilazione del Form W-8BEN.

dividendi fonte americanaDividendi di fonte americana: il caso del cittadino americano residente in Italia

Iniziamo la trattazione con il caso del Cittadino Americano residente in Italia.

Facciamo innanzitutto presente che non ha alcuna rilevanza che il soggetto sia anche Cittadino Italiano.

Nel caso in cui un Cittadino Americano residente in Italia percepisca dei dividendi di fonte Americana, questi sono da sottoporre a tassazione innanzitutto in Italia a causa della residenza (a seguito del noto principio di tassazione del worldwide income) ed in seconda battuta vanno poi dichiarati in America a motivo della Cittadinanza Americana.

 

Nessuna ritenuta sui dividendi

Solitamente le Banche ed i Fondi Comuni di Investimento Americani non applicano ritenute in uscita a Cittadini Americani sul pagamento dei dividendi.

Ciò è dovuto a diverse ragioni di tipo pratico: spesso il Cittadino Americano ha fatto l’investimento quando era residente in America ed ha fornito un indirizzo (fisico) Americano tuttora attivo nei database della Banca o del Fondo.

Talvolta l’Ente Finanziario richiede soltanto il SSN ed un indirizzo mail a cui mandare i report periodici sull’andamento dell’investimento. 

Fatto sta che all’Ente Finanziario Americano interessa prevalentemente lo status di US Person ed il Social Security Number e non sembra particolarmente attento alla effettiva residenza Americana del suo Cliente (che, a rigor di logica, determinerebbe l’applicazione delle ritenute in uscita).

Pertanto, in assenza di una ritenuta alla fonte, il soggetto si vedrà accreditato nel suo Conto Corrente Americano l’importo del dividendo pieno, senza che sia compiuta alcuna trattenuta.

A questo punto entra in gioco la tassazione Italiana: qui il dividendo è da tassare con un’aliquota flat del 26% tramite ritenuta a titolo d’imposta, indipendentemente dal fatto che il dividendo derivi da partecipazione qualificata o da partecipazione non qualificata (come è nella stragrande maggioranza dei casi).

 

La Tax Return americana

Il terzo passaggio riguarda la Tax Return Americana: anche qui, come sappiamo, sono da dichiararsi i worldwide incomes.

Non entreremo nel dettaglio della tassazione Americana, che prevede varie casistiche a seconda che il dividendo sia uno short-term dividend oppure un long-term dividend: in questa seconda ipotesi, che è la più frequente, la tassazione del dividendo è generalmente del 20%.

Per evitare la doppia tassazione, però, le imposte pagate in Italia, comprese le ritenute a titolo d’imposta, che sono imposte sostitutive dell’IRPEF, si possono scomputare in forma di Tax Credit dalle imposte calcolate: in tal modo la tassazione sui dividendi di fonte Americana scontano sempre l’aliquota maggiore tra i due Paesi, che è praticamente sempre quella Italiana del 26%.

 

Esempio

Vediamo un esempio numerico per chiarire questi passaggi.

Soggetto: Cittadino Americano (US Person) residente in Italia.

  • Dividendo in uscita dall’America: 1.000
  • Ritenuta applicata: 0
  • Netto accreditato nel conto corrente Americano: 1.000

 

  • Ritenuta a titolo d’imposta della Dichiarazione Italiana: 260
  • Imposta netta dalla Dichiarazione Italiana: 260

 

  • Imposta lorda calcolata nella Tax Return Americana: 200
  • meno Tax Credit per Imposte Italiane: -260
  • Imposta netta Americana: 0

 

  • Imposta netta complessiva: 260 (26%).

 

Dividendi fonte americana: il caso del cittadino italiano che abbia investito in una Corporation americana

Vediamo ora il caso della tassazione nel caso di un Cittadino Italiano (che non sia ovviamente Cittadino Americano) che abbia fatto un investimento in una Corporation (INC) Americana.

Facciamo innanzitutto notare come sia difficile per un Cittadino Americano generalmente sprovvisto di SSN avere accesso a degli investimenti strutturati come quelli proposti dai Fondi di investimento Americano o dalle Banche Americane: c’è una certa variabilità da caso in caso, ma anche solo aprire un conto corrente in…

Contenuto disponibile esclusivamente agli utenti abbonati
Per continuare a leggere il contenuto di questo articolo è necessario essere abbonati. Se sei già un nostro abbonato, effettua il login attraverso il modulo di autenticazione posto in cima alla pagina. Se non sei abbonato o ti è scaduto l'abbonamento, che aspetti?
Condividi:
Maggioli ADV
Gruppo Maggioli
www.maggioli.it
Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it www.maggioliadv.it