La valutazione delle rimanenze

Anche quest’anno è giunto il momento di cominciare a predisporre i bilanci.
Come sempre. uno degli elementi rilevanti nella quantificazione dell’utile di esercizio e del reddito sono le rimanenze. In questo articolo analizziamo alcuni casi di valutazione di merci e lavori in corso, con risvolti sia civilistici che tributari

valutazione delle rimanenzeLa valutazione delle rimanenze può essere effettuata utilizzando differenti metodi, a seconda della tipologia delle rimanenze:

  • beni fungibili e non fungibili;
  • cantieri di durata infra annuale;
  • cantieri di durata ultra annuale.

Nel presente intervento si cercherà di esporre sia i criteri di valutazione civilistica che quelli fiscali.

Prima di addentrarci nell’analisi delle modalità di determinazione delle rimanenze, analizzando i dettami del codice civile e del Tuir, si vuole fare una riflessione sui risvolti attinenti aspetti amministrativi. Infatti non è sufficiente indicare un numero, ma è indispensabile redigere una accurata e minuziosa documentazione contabile.

Nel presente intervento vengono esposti esempi di redazione della “lista del magazzino” e del prospetto dei cantieri.

Ciò in quanto, in assenza dei predetti documenti, vi possono essere dei risvolti di carattere fiscale ed addirittura penale.

 

Valutazione rimanenze: le problematiche fiscali

Il DPR 570/1996 all’articolo 1, comma 1, lettera d) stabilisce che la contabilità è inattendibile quando i criteri adottati per la valutazione delle rimanenze NON sono indicati in nota integrativa o nel libro degli inventari.

“Ai medesimi fini indicati nel comma 1, le contraddizioni tra le scritture obbligatorie e i dati e gli elementi direttamente rilevati si considerano gravi e rendono altresì inattendibile la contabilità ordinaria degli esercenti attività d’impresa, quando:

  1. le rimanenze di cui all’articolo 59 (ora 92) del citato testo unico delle imposte sui redditi, il controllo deve riguardare beni o categorie di beni il cui valore contabile è non inferiore al 25% di quello complessivo risultante dall’inventario riportato nel bilancio dell’ultimo periodo d’imposta per il quale è stata presentata la dichiarazione dei redditi.

….. con riferimento ai beni di cui al predetto articolo 59 (ora 92), dell’1% del valore complessivo dei beni o categorie di beni rilevati a seguito dell’ispezione o verifica fino a € 1.549.370,70 e dello 0,5% di tale valore per la parte che eccede gli € 1.549.370,70”.

 

Come si vede, il rischio di dichiarazione di inattendibilità delle scritture contabili può manifestarsi in 2 casi:

  • la mancata indicazione del criterio di valutazione;
  • una valutazione non corretta, ma devono essere superati i parametri sopra descritti.

 

I risvolti penali

Anche in ambito penale tributario se deve fare qualche meditazione.

Infatti, l’articolo 4 del D.lgs. 74/2000 tratta della fattispecie di dichiarazione infedele.

In caso di dichiarazione infedele è prevista la reclusione da 2 a 4 anni e sei mesi (in precedenza da 1 a 3 anni) SE, congiuntamente:

  • l’IRPEF / IRES / IVA evasa è superiore a € 100.000 (in precedenza € 150.000);
     
  • l’ammontare complessivo degli elementi attivi sottratti all’imposizione, anche mediante indicazione di elementi passivi inesistenti, è superiore al 10% dell’ammontare complessivo degli elementi attivi indicati in dichiarazione, o, comunque, superiore a € 2 milioni (in precedenza € 3 milioni).

Il comma 1/bis, aggiunto dal D.Lgs. 158/2015 di riforma del sistema sanzionatorio, prevede che non costituisce reato:

  1. non corretta classificazione;
  2. errate valutazioni degli elementi attivi e passivi se i criteri utilizzati sono stati indicati in bilancio o in altra documentazione fiscalmente rilevante;
  3. violazioni alla competenza temporale;
  4. violazioni all’inerenza;
  5. indeducibilità di elementi passivi reali.

Nello specifico, notiamo che le errate valutazioni degli elementi attivi e passivi non costituiscono fattispecie delittuose qualora i criteri di valutazione siano esposti in bilancio o in altra documentazione fiscale.

Da quanto detto notiamo l’importanza di avere dei prospetti di quantificazione delle rimanenze, ma soprattutto l’indispensabilità di indicazione dei criteri di valutazione utilizzati.

 

Le rimanenze…

Contenuto disponibile esclusivamente agli utenti abbonati
Per continuare a leggere il contenuto di questo articolo è necessario essere abbonati. Se sei già un nostro abbonato, effettua il login attraverso il modulo di autenticazione posto in cima alla pagina. Se non sei abbonato o ti è scaduto l'abbonamento, che aspetti?
Condividi:
Maggioli ADV
Gruppo Maggioli
www.maggioli.it
Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it www.maggioliadv.it

Emergenza COVID-19

Gentile Lettore,
Commercialista Telematico ha deciso di mantenere attivi tutti i suoi servizi per informare e supportare tanti professionisti e imprese in questo difficile momento e ugualmente è impegnato nell’attuare le misure di contrasto alla diffusione del coronavirus a protezione dei propri dipendenti e collaboratori. Pertanto, qualora ne avessi necessità, ti invitiamo a utilizzare la comunicazione via e-mail anziché quella telefonica.
Ti risponderemo ai seguenti indirizzi: info@commercialistatelematico.com o ecommerce@commercialistatelematico.com

#IORESTOACASA