IVA di gruppo: controllante non residente identificata in Italia

Attraverso la liquidazione IVA di gruppo, i soggetti passivi dell’imposta possono compensare crediti e debiti IVA in un contesto intersoggettivo, composto di più società diverse.

L’istituto si differenzia da quello del gruppo IVA, che permette di considerare come un unico soggetto passivo IVA le entità, stabilite nel territorio dello Stato, che siano giuridicamente indipendenti, ma strettamente vincolate fra loro da rapporti finanziari, economici ed organizzativi.
Nell’ambito della liquidazione IVA di gruppo, una società di capitali non residente può assumere il ruolo di controllante, anche se non effettua operazioni rilevanti ai fini IVA nel territorio italiano.
Esaminiamo il parere dell’Agenzia Entrate

IVA di gruppo: controllante non residente identificata in ItaliaLa questione circa l’IVA di gruppo in oggetto è stata esaminata nella risposta ad interpello n. 536 del 24.12.2019, di seguito ripresa e analizzata previa breve ricostruzione dei presupposti di accesso e delle modalità di esercizio dell’istituto in esame.

 

IVA di gruppo: aspetti generali

Il decreto attuativo in materia di liquidazione IVA di gruppo:

  • definisce “controllate” le società con forma giuridica commerciale “nazionale” (s.p.a., s.r.l., s.a.p.a., s.n.c. e s.a.s.) le cui azioni o quote sono possedute per più del 50% (senza considerare le azioni prive del diritto di voto), almeno dal 1º luglio dell’anno solare precedente, dall’ente o società controllante o da un’altra società da questi controllata;
     
  • prevede che le società controllanti a propria volta controllate da un’altra società possano accedere alla liquidazione IVA di gruppo solo se la società che le controlla vi rinuncia.

In sostanza, secondo la normativa di riferimento, specifici decreti ministeriali possono prevedere che i versamenti IVA periodici ed annuali siano eseguiti per l’ammontare complessivamente dovuto “dall’ente o società commerciale controllante e dagli enti o società commerciali controllati, al netto delle eccedenze detraibili”.

A tale fine, l’ente o società controllante deve comunicare all’Agenzia delle entrate l’esercizio dell’opzione con la dichiarazione IVA presentata nell’anno solare a decorrere dal quale si esercita l’opzione stessa.

Il meccanismo di funzionamento del regime comporta:

  • la perdita da parte delle società controllate della disponibilità dei propri saldi IVA e il trasferimento dei relativi crediti e debiti d’imposta alla società controllante;
     
  • da parte di quest’ultima (capofila), la compensazione, con operazione algebrica, dei saldi a credito o a debito risultanti dalle liquidazioni periodiche e dalle dichiarazioni annuali proprie.

Compensando le posizioni IVA positive e negative delle varie società partecipanti, l’istituto consente di ottenere un più sollecito utilizzo dei crediti IVA vantati da una (o da alcune) delle società del gruppo, mediante compensazione con l’eventuale IVA a debito di altra (o altre) società del gruppo medesimo.

 

IVA di gruppo: le società personali

Le società di persone commerciali (s.n.c. e s.a.s.) figurano “ufficialmente” tra i soggetti cui è consentita l’adesione alla liquidazione IVA di gruppo sono a seguito dell’emanazione del D.M. 13.02.2017, ancorché già da prima se ne fosse ammessa la partecipazione in via di prassi interpretativa.

 

Responsabilità solidale

Le società controllate rispondono in solido con l’ente o società controllante delle somme o imposte che risultano dalle proprie liquidazioni periodiche o dalle proprie dichiarazioni e non versate dall’ente o società controllante (art. 6 D.M. 13.02.2017).

 

Garanzie

La compensazione “intersoggettiva” delle eccedenze di crediti di imposta che risultano dalle dichiarazioni di alcune società del gruppo devono essere garantite secondo “le disposizioni dell’art. 38-bis del D.P.R. n. 633 del 1972”, cioè con cauzione o fideiussione, prestata dalla società il cui credito sia stato estinto, la quale, in assenza di garanzia, deve versare l’importo corrispondente alle eccedenze di credito compensate nel termine di presentazione della dichiarazione.

 

Liquidazione IVA di gruppo: durata dell’opzione

Tra le novità introdotta dal decreto del 2017, si ricorda anche quella riguardante la durata dell’opzione per la liquidazione di gruppo, che non ha più effetto per il solo anno in cui si esercita, ma si estende fino alla revoca, da comunicarsi secondo le medesime modalità e i medesimi termini previsti per l’opzione.

La volontà di avvalersi del regime di gruppo deve essere comunicata dall’ente o società controllante nell’ambito della dichiarazione IVA annuale presentata nell’anno a decorrere dal quale si intende applicare il regime.

La…

Contenuto disponibile esclusivamente agli utenti abbonati
Per continuare a leggere il contenuto di questo articolo è necessario essere abbonati. Se sei già un nostro abbonato, effettua il login attraverso il modulo di autenticazione posto in cima alla pagina. Se non sei abbonato o ti è scaduto l'abbonamento, che aspetti?
Condividi:
Maggioli ADV
Gruppo Maggioli
www.maggioli.it
Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it www.maggioliadv.it