Fatturazione delle spese legali alla parte soccombente e come avvocato distrattario

In questo articolo approfondiamo come l’avvocato di parte vittoriosa deve fatturare l’onorario e le spese legali alla parte soccombente o come distrattario.

pagamento parcella avvocato parte soccombenteNel precedente articolo, ci si è soffermati sugli aspetti generali della fatturazione dell’avvocato, del resto simili a quello di un professionista iscritto in albo professionale.

In questo articolo entriamo nel vivo della fatturazione del legale, in quanto si esaminano tematiche specifiche di questa professione che spaziano dalla fatturazione verso la parte soccombente, che può essere o meno il proprio cliente, e la fatturazione quale distrattario.

 

Pagamento delle spese legali: condanna e distrazione delle spese

 

Quando il ricorso all’avvocato sfocia in un giudizio dell’autorità giudiziaria, la parte soccombente, oltre che pagare le spese processuali, è tenuta a pagare il compenso al difensore della parte vincitrice secondo le disposizioni di cui:

  • all’art. 91 c.p.c. rubricato “Condanna alle spese”, sulle quali ci soffermiamo a breve;
  • all’art. 93 c.p.c. rubricato “Distrazione delle spese” (“Il difensore con procura può chiedere che il giudice, nella stessa sentenza in cui condanna alle spese, distragga in favore suo e degli altri difensori gli onorari non riscossi e le spese che dichiara di avere anticipate”.).

Come si può rilevare, mentre nel caso di cui all’art. 91 il giudice condanna il soccombente al rimborso delle spese e agli onorari di difesa a favore della parte vittoriosa, nell’ipotesi di cui all’art. 93, il giudice condanna il soccombente al rimborso delle spese e agli onorari di difesa a favore dell’avvocato di parte vittoriosa (avvocato distrattario). 

 

La fatturazione dell’avvocato distrattario per onorari e spese legali

 

Ritornando all’art. 91 c.p.c. rubricato “Condanna alle spese”, lo stesso recita:

Il giudice, con la sentenza che chiude il processo davanti a lui, condanna la parte soccombente al rimborso delle spese a favore dell’altra parte e ne liquida l’ammontare insieme con gli onorari di difesa. Eguale provvedimento emette nella sua sentenza il giudice che regola la competenza”.

 

Considerata pacifica la questione che la parte soccombente deve pagare le spese e gli onorari dell’avvocato di parte vittoriosa, si precisa l’iter che la fattura emessa dall’avvocato segue:

 

  • fatturazione spese legali parte soccombentela fattura (intestata al proprio cliente vittorioso) viene inviata dall’avvocato al proprio cliente‑impresa vittorioso che la registra tra i costi della propria impresa, quindi il rimborso dalla parte soccombente – sulla base della sentenza di condanna, in quanto non riceve alcuna fattura da parte vittoriosa – costituisce la contropartita dell’operazione per l’impresa vittoriosa;
     
  • l’impresa vittoriosa paga la fattura al proprio avvocato. Qualora il cliente vittorioso sia un privato, l’IVA cede a carico della parte soccombente.

 

Agenzia delle Entrate: l’IVA sulla parcella dell’avvocato è detraibile

 

Sull’argomento, si registra la Ris. dell’Agenzia delle Entrate del 24 luglio 1998, n. 91/E, che, con riferimento al caso di soggetti IVA vittoriosi nei giudizi che chiedono il pagamento dell’IVA sulla parcella dei propri avvocati, ha nuovamente ribadito che detti soggetti vittoriosi possono detrarre normalmente l’IVA nell’ambito della loro attività imprenditoriale.

 

“In questa fattispecie, il legale di controparte può richiedere al soccombente l’importo di quanto dovuto a titolo di onorario e spese processuali e non anche quello dell’IVA, essendo tale imposta dovuta per rivalsa dal proprio cliente”.

 

L’orientamento ora citato è stato ampiamente condiviso dall’Avvocatura Generale dello Stato con il parere del 5 ottobre 1992, n. 4332/92, che richiama la Sentenza della Cassazione SS.UU. del 12 giugno 1982, n. 3544.

 

La Cassazione sull’IVA della parcella dell’avvocato

 

Più cavillosa e tortuosa, è la massima tratta dalla sentenza della Corte di Cassazione, Sez. II, del 23 febbraio 2017, n. 4674 (conformi: Sez. VI – 2 del 10 luglio 2018, n. 18192; Sez. III, del 19 febbraio 2014, n. 3968; Sez. II, del 23 gennaio 2007,…

Contenuto disponibile esclusivamente agli utenti abbonati
Per continuare a leggere il contenuto di questo articolo è necessario essere abbonati. Se sei già un nostro abbonato, effettua il login attraverso il modulo di autenticazione posto in cima alla pagina. Se non sei abbonato o ti è scaduto l'abbonamento, che aspetti?
Condividi:
Maggioli ADV
Gruppo Maggioli
www.maggioli.it
Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it www.maggioliadv.it