Saldo e stralcio per le persone in difficoltà con i versamenti fiscali

di Vincenzo D'Andò

Pubblicato il 2 gennaio 2019

Il Parlamento ha approvato la Legge di bilancio 2019 che contiene tra le tante norme anche la definizione agevolata debiti tributari di contribuenti in difficoltà economica

Una precisazione redazionale: i commi richiamati nel sottostante approfondimento riferiti all'articolo 1 della legge di bilancio 2019 (Legge 30.12.2018 n. 145, come pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale n. 302 del 31.12.2018) vanno ora intesi dal n. 184 al n. 198.
In sostanza, i commi richiamati nell'approfondimento sono stati rinumerati dal Legislatore in extremis (iter approvazione legge bilancio assai travagliato, quest'anno, ben noto a tutti).

Saldo e stralcio piccoli debiti fiscali

Il Parlamento ha approvato la Legge di bilancio 2019 (vedi sezione con i nostri approfondimenti) che contiene tra le tante norme anche la definizione agevolata debiti tributari di contribuenti in difficoltà economica (Articolo 1, commi 101-bis-septiesdecies)
I commi da 101-bis a 101-sedecies consentono di definire con modalità agevolate i debiti delle persone fisiche che versino in una grave e comprovata situazione di difficoltà economica, diversi da quelli annullati automaticamente ai sensi del Decreto Legge 119/2018, affidati all’agente della riscossione dal 1° gennaio 2000 al 31 dicembre 2017 e derivanti dall’omesso versamento di imposte risultanti dalle dichiarazioni annuali e dalle attività di accertamento a fini IRPEF e IVA.

Detti debiti possono essere definiti mediante pagamento della quota capitale, degli interessi e delle somme spettanti all’agente della riscossione. Gli interessi sono versati i