Associazioni e società sportive dilettantistiche: mancanza dello scopo di lucro e attività commerciale

Associazioni e società sportive dilettantistiche: mancanza dello scopo di lucro e attività commercialeL’Agenzia delle entrate ha fornito un importante chiarimento al fine di attribuire a enti associativi, ovvero a società di capitali, natura di “società sportive dilettantistiche”. A tal proposito è necessario che lo statuto sia conforme alle clausole di cui all’art. 90 della legge n. 289/2002.

Queste clausole non devono essere confuse con quelle previste dall’art. 148, comma 8 del TUIR al fine di fruire dell’agevolazione riguardante la decommercializzazione dei proventi. Il chiarimento si desume dalla circolare 8/E del 2018.

E’ necessario a tal proposito osservare che, fin quando non entrerà pienamente in vigore, la “Riforma” del Terzo settore di cui al D.Lgs n. 117/2017, il citato art. 148 del TUIR troverà applicazione nei confronti di qualsiasi ente associativo, ancorché non esercente un’attività sportiva dilettantistica. Invece le clausole statutarie indicate dal predetto art. 90, operano su un piano diverso e sono finalizzate ad attribuire al soggetto in questione la qualificazione di associazione o società sportiva dilettantistica.

Un ulteriore ed importante chiarimento riguarda le società di capitali sportive dilettantistiche. L’Agenzia delle entrate ha distinto la mancanza dello scopo di lucro, rispetto alla natura commerciale dell’attività svolta dalle stesse.

In particolare, “Per quanto riguarda, invece, le società sportive dilettantistiche di cui all’articolo 90 della legge n. 289 del 2002, le stesse, ancorché non perseguano scopo di lucro, mantengono, dal punto di vista fiscale, la natura commerciale e sono riconducibili, in quanto società di capitali, nell’ambito dei soggetti passivi IRES di cui all’articolo 73, comma 1, lettera a) del TUIR. L’assenza del fine di lucro non incide, pertanto, sulla qualificazione tributaria delle società sportive dilettantistiche di cui all’articolo 90 della legge n. 289 del 2002. Il reddito delle società sportive dilettantistiche senza fini di lucro è, quindi, determinato, in via di principio, secondo le disposizioni del Titolo II, Capo II, del TUIR relative alle società ed agli enti commerciali”.

La precisazione dell’Agenzia delle entrate produce effetti sostanziali per quanto riguarda la determinazione del reddito sottoposto a imposizione. Si consideri ad esempio il caso in cui una società sportiva riceva una somma a titolo di liberalità. Gli effetti saranno inevitabilmente diversi a seconda della forma giuridica della “Società sportiva”.

Nell’ipotesi in cui la liberalità venga effettuata in favore di un’associazione sportiva, la somma dovrà essere considerata attinente alla sfera istituzionale. Conseguentemente il provento non sarà in ogni caso assoggettato all’IRES. Ciò in quanto gli enti non commerciali si caratterizzano per la duplice sfera istituzionale e commerciale.

Sorge così l’esigenza di distinguere i proventi attinenti all’una e all’altra sfera.

La medesima esigenza non si verifica, però, con riferimento alle società di capitali non lucrative esercenti un’attività di tipo sportivo dilettantistico.

Infatti, come precisato dall’Agenzia delle entrate, l’attività deve essere in ogni caso considerata commerciale. Ne consegue che la liberalità ricevuta è un componente positivo di reddito che concorre sempre  a formare il reddito imponibile. Non è dunque possibile individuare una sfera non commerciale all’interno della quale si va a collocare la liberalità.  Il provento risulta così in ogni caso soggetto ad imposizione.

La mancanza dello scopo di lucro si pone, così, su di un piano completamente diverso e vuol significare, di fatto, il divieto di distribuire, anche in forme indirette, l’utile di esercizio. La mancanza dello scopo di lucro rappresenta un presupposto essenziale riguardante non solo le società sportive dilettantistiche, ma anche le associazioni sportive.

Nicola Forte

9 novembre 2018

Contenuto disponibile esclusivamente agli utenti abbonati
Per continuare a leggere il contenuto di questo articolo è necessario essere abbonati. Se sei già un nostro abbonato, effettua il login attraverso il modulo di autenticazione posto in cima alla pagina. Se non sei abbonato o ti è scaduto l'abbonamento, che aspetti?
Condividi:
Maggioli ADV
Gruppo Maggioli
www.maggioli.it
Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it www.maggioliadv.it