Il conferimento di un pezzo di stabile organizzazione secondo la recente prassi

stabile organizzazioneIntroduzione

La recente R.M. 9.8.2018, n. 63/E ha affrontato il caso di una società estera che ha una stabile organizzazione in Italia e che intende conferire un ramo della stessa in una società di diritto italiano. L’Agenzia ha chiarito che l’operazione beneficia della neutralità fiscale di cui all’art. 176 del tuir. Le conclusioni cui giunge il fisco sono assolutamente condivisibili e non sorprendono in alcun modo anche perché il tema era già stato affrontato nella R.M. 22.5.2007, n. 110/E.

I casi oggetto dei due interventi, tuttavia, non sono identici: nel 2007 venne analizzato il conferimento dell’intera stabile organizzazione italiana, mentre nel nuovo intervento la società estera conferisce solo uno dei due rami di azienda che compongono la stabile organizzazione italiana.

Potremmo dire, che nella nuova situazione, viene conferito solo “un pezzo di stabile”. Tale diverso punto di partenza non è scevro di conseguenze e giustifica le diverse conclusioni cui giunge l’Amministrazione nei due distinti interventi.

Il caso concreto

Il caso oggetto della Risoluzione n. 63/E/2018 è quello di una società di diritto francese (Beta), con sede legale e residenza fiscale in Francia, che detiene una stabile organizzazione ALFA in Italia.

La stabile organizzazione italiana svolge in Italia due distinte attività:

  1. assicurazione del credito, consistente nell’offerta alle aziende clienti di copertura assicurativa contro il rischio di insolvenza dei debitori con cui le aziende stesse intrattengono rapporti commerciali (d’ora in poi indicata come attività assicurativa); e
  2. accolta e valutazione di informazioni commerciali e di monitoraggio del rischio di insolvenza dei debitori e clienti italiani.

    La stabile organizzazione italiana ritiene di poter identificare in queste due attività, due distinti rami d’azienda. La risoluzione nasce dall’interpello presentato dalla stabile organizzazione Alfa, dove viene richiesto il parere all’Agenzia in relazione alla seguente operazione transnazionale: è intenzione della casa madre francese (BETA) conferire solamente uno dei due rami di azienda della stabile Alfa, in una società Gamma italiana totalmente controllata da Beta.

    Gamma è una società di diritto italiano che svolge servizi per la gestione del credito e in particolare un’attività di recupero del credito e vendita di informazioni commerciali. Dalle prime indicazioni non è chiaro se la società italiana Gamma nasca a seguito del conferimento o se sia una società pre-esistente. Proseguendo nella lettura si capisce che Gamma è una società che esiste prima dell’operazione di conferimento.

    Dalla risoluzione leggiamo che:

    1. GAMMA (conferitaria) aumenterà “il proprio capitale in misura pari al valore netto contabile del ramo d’azienda” oggetto del Conferimento;
    2. la quota della partecipazione, pari al valore di detto aumento di capitale sociale, verrà direttamente attribuita ad ALFA, ossia alla stabile organizzazione, senza essere trasferita o assegnata a BETA.

    E’ proprio dalla lettura di questi due ulteriori passaggi che desumiamo che Gamma è una società già esistente e che la stessa non risulta iscritta nello stato patrimoniale della stabile organizzazione Alfa.

    La seguente figura n. 2 propone l’operazione complessiva, rappresentando la situazione iniziale e la situazione che si otterrà post conferimento. Le percentuali di partecipazione nella società GAMMA vengono qui ipotizzate al fine di comprendere al meglio l’operazione di riorganizzazione del gruppo[1].

    Figura n. 2

    stabile organizzazione

    In sostanza, ciò che emerge anche dalla lettura della risoluzione è che, a seguito del conferimento la stabile organizzazione ALFA non iscriverà l’intera partecipazione in GAMMA, ma solo una quota della stessa.

    La situazione che si crea è alquanto singolare. In sostanza, a seguito dell’operazione di conferimento, la società francese Beta conserverà giuridicamente l’intera…

Contenuto disponibile esclusivamente agli utenti abbonati
Per continuare a leggere il contenuto di questo articolo è necessario essere abbonati. Se sei già un nostro abbonato, effettua il login attraverso il modulo di autenticazione posto in cima alla pagina. Se non sei abbonato o ti è scaduto l'abbonamento, che aspetti?
Condividi:
Maggioli ADV
Gruppo Maggioli
www.maggioli.it
Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it www.maggioliadv.it