Ventilazione dei corrispettivi: le novità per la detrazione IVA

Pubblicato il 8 gennaio 2018



vediamo alcune problematiche che ci porta il 2018 con le nuove tempistiche per la detrazione IVA: i soggetti che applicano la ventilazione dei corrispettivi devono calcolare con attenzione gli esiti della dichiarazione IVA ed il risultato della ventilazione, tenendo conto delle nuove normative in merito ai tempi per registrare le fatture passive e detrarre la relativa IVA

In base all’attuale formulazione normativa, modificata dal D.L. n. 50/2017, tale diritto può essere esercitato  al più tardi entro il termine di presentazione della dichiarazione Iva relativa all’anno in cui il tributo è divenuto esigibile.  A seguito della novella in alcuni casi il termine potrebbe risultare ristretto a soli quattro mesi dell’anno. La disciplina futura è ancora incerta essendo stato presentato un emendamento che prevede il “ripristino” del termine di due anni.

Parallelamente il medesimo D.L. n. 50/2017 ha modificato anche l’art. 25 del D.P.R. n. 633/1972 prevedendo un termine di registrazione delle fatture di acquisto. La di