Presentazione tardiva del modello Redditi 2017: scadenza entro il prossimo 29 gennaio 2018, ecco tutto ciò che occorre sapere

Entro il prossimo 29/1/2018 (90 giorni dalla scadenza del 31 ottobre 2017) è possibile presentare, in caso di mancato adempimento, il modello Redditi 2017.
Nel caso di specie la dichiarazione pur essendo tardiva è considerata valida ed il contribuente/intermediario fiscale possono ricorrere alla procedura del ravvedimento operoso al fine di regolarizzare le rispettive posizioni.
Decorso tale termine (ritardo superiore ai 90 giorni) la dichiarazione sarà considerata “omessa” e l’inadempimento sarà oggetto di specifiche sanzione (se la dichiarazione è presentata oltre i 90 giorni costituisce comunque titolo per la riscossione delle imposte in essa liquidate).
LA DICHIARAZIONE TARDIVA: PRESENTAZIONE DEL MODELLO REDDITI ENTRO LA DATA DEL 29.1 2018
Come detto, entro il 29 gennaio 2018 il Contribuente può presentare una dichiarazione tardiva adottando la procedura del ravvedimento operoso con le seguenti modalità operative:
1) presentare la dichiarazione;
2) versare contestualmente una sanzione ridotta pari ad 1/10 di euro 250 ovvero 25 euro (la sanzione è dovuta per ciascuna dichiarazione ovvero redditi ed IRAP) – ipotizzando pertanto un modello Unico composto da Redditi e modello IRAP la sanzione da versare è di 50,00 euro; la sanzione deve essere versata con modello F 24 codice tributo 8911 anno 2017;
3) versare l’imposta dovuta unitamente alle sanzioni e agli interessi come disposto dalla normativa sul ravvedimento: se dalla dichiarazione tardiva risulta un’imposta dovuta l’eventuale omesso o carente pagamento delle imposte dichiarate configura la violazione di omesso, in tutto o in parte,versamento delle imposte risultanti dalla dichiarazione, punibile con la sanzione amministrativa pari al 30% di ogni importo non versato fatta salva la possibilità di adire al ravvedimento operoso.
L’articolo sopraindicato è stato modificato ad opera del Decreto Legislativo n. 158/2015, che ha disposto che la sanzione del 30% è ridotta al 15% se il …

Contenuto disponibile esclusivamente agli utenti abbonati
Per continuare a leggere il contenuto di questo articolo è necessario essere abbonati. Se sei già un nostro abbonato, effettua il login attraverso il modulo di autenticazione posto in cima alla pagina. Se non sei abbonato o ti è scaduto l'abbonamento, che aspetti?
Condividi:
Maggioli ADV
Gruppo Maggioli
www.maggioli.it
Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it www.maggioliadv.it