Le novità dello Spesometro 2018

Con le modifiche approvate in sede di conversione in legge del Collegato fiscale alla Legge di Bilancio 2018 (D.L. n. 148/2017 conv. con modifiche nella legge 4/12/2017 n. 172), è stata sensibilmente rivista la disciplina inerente lo Spesometro. In particolare è ora stabilito che:

l’invio sarà semestrale;

è possibile comunicare le fatture di importo inferiore a euro 300 con documento riepilogativo;

le Amministrazioni Pubbliche sono escluse dall’obbligo per le fatture emesse verso i consumatori finali;

l’errata trasmissione della comunicazione relativa al primo trimestre 2017 non comporta l’addebito di alcuna sanzione, a condizione che l’invio corretto venga eseguito entro il 28 febbraio 2018.

A ben vedere, dal punto di vista pratico, vengono semplificati i dati da trasmettere e vengono introdotte alcune specifiche esenzioni dagli obblighi di comunicazione; ciò in vista della definitiva cancellazione dell’adempimento una volta che entrerà in vigore il regime di fatturazione elettronica obbligatoria.
Sperando nel corretto funzionamento dei software dell’Amministrazione, in questa fase, è utile fare un confronto sulla disciplina propria dello Spesometro prima e dopo l’entrata in vigore del D.L. n. 148/2017…    Continua a leggere nel PDF qui sotto—>

 
QUESTO ARTICOLO E’ TRATTO DALLA NOSTRA CIRCOLARE SETTIMANALE…

Contenuto disponibile esclusivamente agli utenti abbonati
Per continuare a leggere il contenuto di questo articolo è necessario essere abbonati. Se sei già un nostro abbonato, effettua il login attraverso il modulo di autenticazione posto in cima alla pagina. Se non sei abbonato o ti è scaduto l'abbonamento, che aspetti?
Condividi:


Maggioli ADV
Gruppo Maggioli
www.maggioli.it
Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it www.maggioliadv.it