Il trasferimento della società lussemburghese in Italia

di Ennio Vial

Pubblicato il 22 dicembre 2017

il primo aspetto da valutare attiene alla fattibilità civilistica dell’operazione. Una volta sdoganato questo primo elemento propedeutico, si pone il problema di valutarne gli impatti fiscali. Esamineremo il caso di una Soparfi lussemburghese che ha iscritto all’attivo partecipazioni immobilizzate in società white list e liquidità. Si supponga, infine, che i soci della società lussemburghese siano persone fisiche italiane legate da rapporti di parentela. Un approfondimento di 10 pagine

Nel presente intervento affrontiamo il caso del trasferimento in Italia di una società di diritto lussemburghese (alcuni dati sulla fiscalità lussemburghese). Il primo aspetto da valutare attiene alla fattibilità civilistica dell’operazione. Una volta sdoganato questo primo elemento propedeutico, si pone il problema di valutarne gli impatti fiscali.

Esamineremo il caso di una Soparfi lussemburghese che ha iscritto all’attivo partecipazioni immobilizzate in società white list e liquidità.
Si supponga, infine, che i soci della società lussemburghese