Operazioni black list: variazioni al regime sanzionatorio

di Giovambattista Palumbo

Pubblicato il 22 novembre 2017

prendendo spunto da una sentenza di Cassazione, verifichiamo l'impatto delle variazioni alla normativa riguardante gli acquisti da Paesi balck list: le molteplici variazioni al TUIR possono creare dubbi sul regime sanzionatorio applicato in fase di accertamento

Commercialista Telematico | Software fiscali, ebook di approfondimento, formulari e videoconferenze accreditateLa Corte di Cassazione, con la sentenza n. 21874 del 28.10.2016, è tornata sul tema della deducibilità dei costi black list.

Nel caso di specie la società contribuente aveva proposto ricorso per cassazione avverso la sentenza della Commissione Tributaria Regionale, con la quale era stata confermata la legittimità dell'avviso di accertamento notificatole a titolo di IRES, IRAP ed IVA del 2004, per recupero, tra gli altri, di costi ritenuti indeducibili ai sensi art. 110, cc. 10 e 11 del TUIR, in quanto relativi ad operazioni poste in essere con paesi a fiscalità privilegiata (cosiddetti paesi black list: Cina, Hong Kong) e non separatamente indicati in dichiarazione.

Il giudice di appello, dopo aver ricordato che nel caso in esame si era in presenza di un accertamento analitico-contabile, ai sensi dell'art. 39, comma 1, del DPR n. 600/1973, con cui si contestava la violazione dell'art. 110, comma 11, del TUIR, e dell'art. 54 del DPR n.633/1972, affermava che l'inosservanza della previsione relativa alla separata indicazione degli ammontari richiesti in deduzione, riscontrata dall'Ufficio nella dichiarazione dei redditi, anche se non idonea ad integrare una violazione sostanziale, legittimava la mancata notifica dell'avviso previsto dall'art. 110, comma 11, del TUIR.

Quanto poi al disconoscimento della deducibilità dei componenti negativi di reddito per inosservanza dell'art. 110, c. 11, del TUIR, osservava che, ai fini della contestazione formulata dall'Ufficio, una volta riscontrata la mancata separata indicazione dei costi, relativi ad operazioni in Paesi a fiscalità privilegiata, dedotti nella dichiarazione dei redditi, l'applicazio