Le sanzioni per indebito utilizzo dei crediti d’imposta in dichiarazione

di Mario Agostinelli

Pubblicato il 7 settembre 2017

l'indebito utilizzo dei crediti di imposta in compensazione orizzontale è soggetto a due differenti sanzioni: sanzione del 30% per l’ipotesi riconducibile all'utilizzo di crediti non spettanti; sanzione dal 100% al 200%, con esclusione della definizione con riduzione delle sanzioni ad 1/3, per l’ipotesi riconducibile all'utilizzo di crediti inesistenti...

Commercialista_Telematico_Post_1200x628px_Dichiarazione_RedditiL'indebito utilizzo dei crediti di imposta in compensazione orizzontale è soggetto a due differenti sanzioni: sanzione del 30% per l’ipotesi riconducibile all'utilizzo di crediti non spettanti; sanzione dal 100% al 200% con esclusione della definizione con riduzione delle sanzioni ad 1/3 per l’ipotesi riconducibile all'utilizzo di crediti inesistenti.

La CTR di Bergamo fornisce una rilevante spiegazione per comprendere la distinzione tra utilizzo di crediti inesistenti e utilizzo di crediti non spettanti.

LE SANZIONI PER L’INDEBITO UTILIZZO DEL CREDITO DI IMPOSTA

L'utilizzo del credito inesistente si pone in rapporto di specialità rispetto all'utilizzo dei crediti non spettanti e per la sua configurazione richiede un quid pluris: mancanza del presupposto oggettivo e costitutivo del credito; la non riscontrabilità del presupposto a mezzo di semplici controlli automatici.

Le norme che disciplinano l'applicazione delle sanzioni per l'utilizzo indebito dei crediti in compensazione orizzontale sono quelle contenute nei co. 4 e 5 dell'articolo 13 del D.Lgs. 471/1997.

4. Nel caso di utilizzo di un’eccedenza o di un credito d’imposta esistente in misura superiore a quella spettante o in violazione delle modalità di utilizzo previste dalle leggi vigenti si applica, salva l’applicazione di disposizioni speciali, la sanzione pari al trenta per cento del credito utilizzato.

5. Nel caso di utilizzo in compensazi