Dichiarazione integrativa a favore e nuovo quadro DI

di Devis Nucibella

Pubblicato il 5 luglio 2017

la dichiarazione integrativa a favore può essere inviata entro i termini previsti per l’accertamento: cosa comporta questa norma? Come si predispone tale dichiarazione? Quando diventa disponibile il credito a favore del contribuente? Proponiamo un articolo di 10 pagine arricchito di esempi pratici di compilazione del quadro DI

ivaIl D.L. 193/2016 ha previsto che la dichiarazione integrativa a favore possa ora essere inviata entro i termini previsti per l’accertamento; pertanto, la regola generale è che ci si può attivare entro il 31.12 del 5’ anno successivo a quello di presentazione della dichiarazione originaria (affetta da errore). Il termine è stato così uniformato a quello previsto per la trasmissione delle dichiarazioni integrative “a sfavore”.

Il credito che dovesse emergere dalla dichiarazione presentata oltre il termine prescritto per la presentazione della dichiarazione relativa al periodo d’imposta successivo potrà essere utilizzato in compensazione per eseguire il versamento di debiti maturati, a partire dal periodo d’imposta successivo a quello in cui è stata presentata l’integrativa. Rimane ferma, in ogni caso, la possibilità di utilizzo in compensazione senza limiti per i casi di correzione di errori contabili di competenza.

A tal fine nel modello Redditi 2017 periodo d’imposta 2016 è