2017: vecchio bonus mobili 50% con nuovi limiti: i lavori devono essere iniziati dopo una certa data

La legge di Bilancio del 2017 ha prorogato il c.d. bonus mobili, ma a condizioni parzialmente diverse rispetto al passato. Gli acquisti di mobili ed elettrodomestici (avventi classe energetica A+ o A) devono essere finalizzati ad arredare immobili oggetto di manutenzione e ristrutturazione. In buona sostanza il contribuente deve aver realizzato un intervento che gli attribuisca il diritto a fruire delle detrazioni previste dall’art. 16–bis del TUIR. Tuttavia è necessario che l’intervento realizzato sull’immobile non sia troppo “remoto”. Infatti, i lavori di manutenzione/ristrutturazione devono essere iniziati a partire dall’1 gennaio 2016. Si pone così un problema di prova.
Il contribuente può dimostrare con diverse modalità che i predetti lavori siano iniziati successivamente alla predetta data. Se si tratta di un intervento che richiede il rilascio di un titolo abilitativo (ad esempio la DIA, SCIA, CILA…), la dimostrazione della data di inizio dei lavori sarà agevolmente desumibile dal titolo stesso. Viceversa se si tratta di un intervento che non necessita del rilascio di un titolo abilitativo (ad esempio intervento cosiddetti a “edilizia libera”) il contribuente potrà dimostrare che i lavori sull’immobile sono iniziati dopo l’1 gennaio 2016 tramite una dichiarazione sostitutiva di atto notorio.
A parte questo profilo temporale concernente i lavori di ristrutturazione, le regole non sono cambiate rispetto al passato. La detrazione spetta nella misura del 50% ed il limite massimo di spesa è di 10.000 euro. La detrazione potrà essere fatta valere in dieci anni, in quote di eguale importo.
Per quanto riguarda le modalità di pagamento non sono ritenuti validi, ai fini della detrazione, quelli effettuati in contanti o con assegno. Invece, come precisato dall’Agenzia delle entrate non è più necessario il bonifico parlante, ma è sufficiente quello normale (cfr Circ. n. 7/E del 2016). Inoltre sono ritenuti validi anche i …

Contenuto disponibile esclusivamente agli utenti abbonati
Per continuare a leggere il contenuto di questo articolo è necessario essere abbonati. Se sei già un nostro abbonato, effettua il login attraverso il modulo di autenticazione posto in cima alla pagina. Se non sei abbonato o ti è scaduto l'abbonamento, che aspetti?
Condividi:
Maggioli ADV
Gruppo Maggioli
www.maggioli.it
Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it www.maggioliadv.it