Prorogata la nuova Sabatini, per l’acquisto di nuovi macchinari, impianti e attrezzature

di Federico Gavioli

Pubblicato il 20 gennaio 2017

la Legge di Bilancio 2017 ha prorogato di due anni (fino al 31 dicembre 2018) il termine per la concessione dei finanziamenti agevolati per l’acquisto di nuovi macchinari, impianti e attrezzature da parte delle piccole e medie imprese, la cosiddetta 'Nuova Sabatini'

comm.tel-leggi.bilancio-2I commi da 52 a 57 dell’articolo 1, della legge di Bilancio 2017 (Legge n. 232/2016) prorogano di due anni, fino al 31 dicembre 2018, il termine per la concessione dei finanziamenti agevolati per l’acquisto di nuovi macchinari, impianti e attrezzature da parte delle piccole e medie imprese (cd. Nuova Sabatini).

Lo strumento agevolativo cd. “Nuova Sabatini”, istituito dall’art. 2, del D.L. 21 giugno 2013, n. 69 (legge n. 98/2013) è finalizzato a migliorare l’accesso al credito per investimenti produttivi delle piccole e medie imprese.

La misura è rivolta alle micro, piccole e medie imprese operanti in tutti i settori, inclusi agricoltura e pesca, e prevede l’accesso ai finanziamenti e ai contributi a tasso agevolato per gli investimenti (anche mediante operazioni di leasing finanziario) in: macchinari; impianti; beni strumentali di impresa; attrezzature nuove di fabbrica ad uso produttivo; investimenti in hardware, software ed in tecnologie digitali.

Con la pubblicazione in G.U. (n. 58 del 10 marzo 2016) del decreto del Ministro dello Sviluppo economico, firmato di concerto con il ministro dell'Economia del 25 gennaio 2016 è stata data attuazione alle modifiche apportate alla "Nuova Sabatini" dal D.L. 69/2013.

L’ambito oggettivo della “Nuova Sabatini” prevede:

a) la concessione del contributo è condizionata all'adozione di una delibera di finanziamento con le seguenti caratteristiche:

  • essere deliberato a copertura degli investimenti;

  • essere deliberato da una banca o da un intermediario finanziario;

  • avere durata massima, comprensiva di un periodo di preammortamento o di pre-locazione non superiore a dodici mesi, di cinque anni decorrenti dalla data di stipula del contratto di finanziamento;

b) il finanziamento deve essere interamente utilizzato per l'acquisto, o l'acquisizione nel caso di operazioni di leasing finanziario, di macchinari, impianti, beni strumentali di impresa, attrezzature nuove di fabbrica ad uso produttivo e hardware, classificabili, nell'attivo dello stato patrimoniale, alle voci B.II.2, B.II.3 e B.II.4, dell'art. 2424 del codice civile