I costi per gli amministratori di comodo sono indeducibili dal reddito d'impresa

Con la sentenza n. 18448 del 21 settembre 2016, la Corte di Cassazione ha ritenuto indeducibili i costi sostenuti per gli amministratori di comodo.
Il rilievo fiscale
Il rilievo concerneva il disconoscimento della deducibilità dei costi relativi ai compensi corrisposti agli amministratori “di comodo” (il giudice di appello ha, invece, ritenuto deducibili i compensi corrisposti agli amministratori, espressamente qualificati dalla CTR come “di comodo”, perché privi di reali poteri decisionali, esclusivamente in ragione della loro effettiva erogazione, ma senza verificare la sussistenza del requisito dell’inerenza di quei costi all’attività d’impresa).
La sentenza
La giurisprudenza della Corte (cfr. Cass. n. 21184 del 2014) ha reiteratamente tratto l’insegnamento secondo cui i costi, per essere ammessi in deduzione quali componenti negativi del reddito di impresa, debbono …

Contenuto disponibile esclusivamente agli utenti abbonati
Per continuare a leggere il contenuto di questo articolo è necessario essere abbonati. Se sei già un nostro abbonato, effettua il login attraverso il modulo di autenticazione posto in alto a destra. Se non sei abbonato o ti è scaduto l'abbonamento, che aspetti?
Maggioli ADV
Gruppo Maggioli
www.maggioli.it
Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it www.maggioliadv.it