Vendite su eBay e altre piattaforme ecommerce: quando è che il venditore deve aprire partita IVA?

I presupposti di commercialità delle attività imprenditoriali con distinzione tra profili civilistici e fiscali: alcuni fondamentali principi da valutare per capire se l’attività occasionale rileva ai fini fiscali per l’apertura della partita IVA.
Molto interessante per chi opera vendite tramite piattaforme online come Ebay o similari e deve valutare se aprire la partita IVA.

La Corte di Cassazione, con la sentenza n. 6853 dell’8.4.2016, ha chiarito i presupposti di commercialità delle attività imprenditoriali, distinguendo tra profili civilistici e fiscali.

 

 

Il caso: l’AdE contesta a un seller eBay il mancato pagamento dell’IVA

Nel caso di specie l’Agenzia delle Entrate proponeva ricorso per cassazione avverso la sentenza della Commissione Tributaria Regionale del Lazio, con la quale, in sede di rinvio a seguito di sentenza della medesima Corte di Cassazione, n. 17731 del 2007, era stato accolto l’appello del contribuente e dichiarati illegittimi gli avvisi di accertamento emessi nei suoi confronti per IVA relativa agli anni 1994 e 1995, ai sensi dell’art. 55 del d.P.R. n. 633 del 1972, sulla base di p.v.c. della Guardia di finanza, nel quale era stato rilevato che il contribuente, in occasione di numerose aste, aveva acquistato oggetti preziosi per un importo complessivo di circa L. 700.000.000, poi rivenduti, con conseguente contestazione di svolgimento di attività abituale d’impresa, ex art. 4 del citato d.P.R. n. 633 del 1972, i cui ricavi erano quindi soggetti ad IVA.

 

Corte d’appello: le vendite online effettuate per pochi mesi e senza organizzazione di mezzi e persone non configurano lo svolgimento di attività d’impresa

Il giudice d’appello aveva invece ritenuto che le operazioni di acquisto di oggetti preziosi, complessivamente svoltesi nell’arco di nove mesi, erano avvenute per un periodo di tempo limitato, con la conseguenza che l’ipotizzata attività di commercio non era stata esercitata in modo abituale e continuativo, né, peraltro, l’Ufficio, ad avviso dei giudici di merito, aveva individuato alcun elemento a dimostrazione di una sia pur minima organizzazione di mezzi e persone, necessaria per la gestione e la vendita di un così consistente quantitativo di merce.

Il giudice di secondo grado aggiungeva inoltre che non era giustificata neanche la mancata detrazione, da parte dell’Ufficio, dell’IVA sugli acquisti, in base all’art. 55 del detto d.P.R. n. 633/72.

 

Il ricorso dell’AdE: l’attività di impresa in senso tributaristico può avvenire anche senza struttura organizzativa

L’Agenzia denunciava allora davanti alla Corte la violazione degli artt. 1, 4 e 53 del d.P.R. n. 633 del 1972, formulando il seguente quesito: se

sono da considerare effettuate nell’esercizio di impresa commerciale, nel senso tributaristico di tale nozione, e dunque imponibili le operazioni effettuate anche senza l’ausilio di una struttura organizzativa, purché l’attività commerciale venga svolta in maniera abituale e professionale, con ciò intendendosi escludere unicamente gli atti isolati, ben potendo un progetto protratto per un tempo ragionevole, ancorché finalizzato, eventualmente, al compimento di un’unica operazione speculativa, integrare attività d’impresa e, dunque, se nel caso di specie, in cui il contribuente aveva acquistato all’asta nell’arco di circa 9 mesi, partecipando a circa 70 sedute, preziosi per il valore di L. 710.000.000, successivamente non rinvenuti presso l’abitazione del contribuente e comunque da questi, a suo dire, rivenduti, configuri un’attività rilevante ai fini dell’imposizione IVA”.

 

 

Cassazione: se la vendita online non è atto occasionale e isolato, configura un’attività d’impresa ed è soggetta ad IVA

Il motivo di impugnazione, secondo i giudici di legittimità, era fondato, dato che, come da giurisprudenza della Corte, la nozione tributaristica dell’esercizio di imprese commerciali non coincide con quella civilistica, in quanto l’art. 4, c. 1, del d.P.R. n. 633 del 1972, in tema di IVA, così come l’analogo art. 55, comma 1, del TUIR, intende come tale

“l’esercizio per professione abituale, ancorché non esclusiva”,

delle attività indicate dall’art. 2195 c.c., anche se non organizzate in forma di impresa, e prescinde quindi dal requisito organizzativo, che costituisce invece elemento qualificante e imprescindibile per la…

Contenuto disponibile esclusivamente agli utenti abbonati
Per continuare a leggere il contenuto di questo articolo è necessario essere abbonati. Se sei già un nostro abbonato, effettua il login attraverso il modulo di autenticazione posto in cima alla pagina. Se non sei abbonato o ti è scaduto l'abbonamento, che aspetti?
Condividi:
Maggioli ADV
Gruppo Maggioli
www.maggioli.it
Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it www.maggioliadv.it