L’assegnazione e cessione dei beni ai soci: i profili contabili

Pubblicato il 24 marzo 2016

Quali sono le scritture contabili che si devono fare dopo aver assegnato un immobile ai soci? In questo articolo approfondiamo i profili contabili dell'operazione con esempi pratici di scritture in partita doppia relative all'estromissione del bene a favore dei soci.

Profili civilistici dell’assegnazione agevolata ai soci

L’assegnazione di beni ai soci può essere fatta, secondo le disposizioni del codice civile, nei seguenti casi:

  1. riparto dei beni residui della termine della liquidazione;
  2. riduzione del capitale sociale nel rispetto della procedura e delle condizioni previste dagli artt. 2445 (riduzione del capitale sociale nelle Spa) e 2306 (riduzione del capitale sociale nelle Snc);
  3. recesso del socio (disciplinato dall’art. 2437 nelle Spa) e dagli artt. 2285 e 2307 (nelle società di persone).

 

Al di fuori di questi casi, l’assegnazione non è civilisticamente ammissibile, sebbene prevista da una norma tributaria (art. 1 co. da 115-120, della L. 208/2015) che consente l’estromissione agevolata d