IMU e TASI per la casa coniugale dei coniugi separati

di Nicola Forte

Pubblicato il 4 giugno 2015

analisi di uno dei casi che ha generato più dubbi nel calcolo di IMU e TASI: la tassazione della casa appartenente a due coniugi separati ma assegnata ad uno solo dei due

 

I contribuenti poco attenti devono fare attenzione nell’ipotesi in cui l’ex casa coniugale venga assegnata al coniuge con i figli nell’ipotesi separazione o divorzio. In questo caso l’immobile sarà completamente escluso dall’IMU che non dovrà essere versata né dal proprietario, né dal coniuge assegnatario.

 

La questione si poneva in termini diversi nel periodo in cui era vigente la vecchia ICI e la circostanza può indurre in errori. Nell’ultimo periodo in cui trovava applicazione la vecchia imposta comunale il soggetto passivo tenuto al pagamento del tributo era il coniuge assegnatario. La stessa disposizione è stata di fatto riproposta nel primo periodo durante il quale ha trovato applicazione L’imposta municipale unica. Quindi il pagamento non era a carico dell’ex marito ancora proprietario dell’immobile, ma dell’ex coniuge assegnataria dell’immobile con i figli, per effetto della pronuncia del giudice.

Il quadro normativo è mutato