Il consolidato fiscale: interruzione, continuazione e fuoriuscita dal regime. La tassazione di gruppo in caso di fusioni, scissioni, trasformazioni, conferimenti; ipotesi di decadenza dal regime speciale in presenza di determinate tipologie di operazioni

Aspetti generali
Il regime della tassazione di gruppo (consolidato fiscale) è orientato a garantire la compensazione di determinati componenti reddituali (perdite, interessi passivi) all’interno del gruppo, o – meglio – della «fiscal unit» costituita dalle società che hanno esercitato l’opzione.
Sposandosi con il regime della liquidazione IVA di gruppo, esso consente, pur a determinate condizioni e previa opzione triennale, di attribuire riconoscimento alla realtà civilistica del gruppo di imprese.
L’esigenza di circoscrivere l’area dei benefici garantiti dal consolidamento ha indotto il legislatore a prevedere, oltre al carattere vincolante dell’opzione (bilateralmente esercitata dalle società partecipanti), alcune ipotesi di decadenza dal regime speciale in presenza di determinate tipologie di operazioni.
Sono state inoltre previste alcune conseguenze tipiche in caso di interruzione anticipata dell’opzione da parte di una o più delle società facenti parte della fiscal unit.
La tassazione di gruppo
L’istituto in esame è disciplinato dagli artt. da 117 a 129 del TUIR, mentre le norme di attuazione sono state emanate con il D.M. 9.6.2004.
Il consolidato fiscale riguarda un insieme di società che possono o meno far parte di un gruppo formale secondo le disposizioni civilistiche. Esso risulta quindi indifferente rispetto all’eventuale bilancio consolidato redatto dalla capogruppo, anche se in capo alla consolidante (che sia o meno una capogruppo in senso proprio) devono sussistere determinati requisiti di controllo sulle consolidate.
A seguito dell’opzione triennale viene determinato un imponibile globale in capo alla società consolidante, che è dato dalla sommatoria dei valori comunicati dalle società appartenenti alla fiscal unit.
L’accesso all’istituto è subordinato al possesso di una partecipazione superiore al 50% del capitale, del diritto agli utili e dei diritti di voto, senza tener conto dell’effetto demoltiplicativo derivante dal possesso di partecipazioni «a catena». È necessario, insomma, il controllo civilistico in senso stretto.
L’interruzione e il mancato rinnovo dell’opzione
L’art. 11 del D.M. 9.6.2004 prende in considerazione vari tipi di operazioni societarie straordinarie, di seguito indicate con i relativi effetti:

fusione tra società consolidate:

la tassazione di gruppo non si interrompe;

il vincolo temporale di permanenza nel consolidato si trasferisce alla società risultante dalla fusione, che deve rispettare il termine che scade per ultimo;

fusione tra la consolidante e una o più consolidate: la tassazione di gruppo si estingue senza dar luogo a effetti rettificativi1;

fusione per incorporazione della consolidante in una consolidata: la tassazione di gruppo permane nei confronti delle altre consolidate;

fusione per incorporazione di società non inclusa nel consolidato in società inclusa nel consolidato: la tassazione di gruppo non si interrompe, se permangono i requisiti di cui all’art. 117 del TUIR;

scissione totale o parziale di una consolidata che non comporta la modifica della compagine sociale:

la tassazione di gruppo non si interrompe, se permangono i requisiti di cui all’art. 117 del TUIR;

le beneficiarie si considerano partecipanti al consolidato per un periodo pari a quello residuo della scissa, anche se non esercitano l’opzione;

consolidata beneficiaria di una scissione: non si interrompe la tassazione di gruppo, se permangono i requisiti di cui all’art. 117 del TUIR;

scissione parziale della consolidante: la tassazione di gruppo non si interrompe per la scissa, se permangono i requisiti di cui all’art. 117 del TUIR;

liquidazione volontaria della consolidante o della consolidata: la tassazione di gruppo non si interrompe;

conferimenti effettuati da soggetti partecipanti al consolidato: la tassazione di gruppo non si interrompe…

Contenuto disponibile esclusivamente agli utenti abbonati
Per continuare a leggere il contenuto di questo articolo è necessario essere abbonati. Se sei già un nostro abbonato, effettua il login attraverso il modulo di autenticazione posto in cima alla pagina. Se non sei abbonato o ti è scaduto l'abbonamento, che aspetti?
Condividi:


Maggioli ADV
Gruppo Maggioli
www.maggioli.it
Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it www.maggioliadv.it