Il Consolidato Fiscale: requisiti generali, obblighi tributari, controlli fiscali e accertamenti

Il consolidato fiscale nazionale è un istituto che prevede la tassazione IRES unitaria di più società fiscalmente residenti in Italia, risolvendo le problematiche relative alla rilevanza fiscale di componenti reddituali negativi (perdite, interessi passivi) prodotti in un contesto intersoggettivo.

L’accesso all’istituto è permesso ai gruppi societari circoscritti e contraddistinti dalla presenza di partecipazioni superiori al 50%, nonché a parti di gruppi societari che, se possesso dei requisiti indicati dal TUIR, vengono a qualificarsi come “fiscal unit”.

La tassazione di gruppo segue proprie regole speciali per quanto riguarda i requisiti e presupposti generali, le modalità di esercizio dell’opzione e di gestione degli obblighi tributari, nonché per quanto riguarda le modalità di controllo fiscale ed accertamento impiegabili dall’amministrazione finanziaria.

consolidato fiscale nazionaleEcco un indice degli argomenti che si andranno ad affrontare nel presente articolo:

 

Consolidato Fiscale: aspetti generali

 

Il consolidato fiscale nazionale è disciplinato dagli artt. da 117 a 129 del TUIR, nonché da norme attuative contenute dapprima nel D.M. 9.6.2004 e poi, in seguito ad una revisione indotta dalle modifiche normative sopravvenute, dal D.M. 1.3.2018.

In sintesi, l’opzione per il consolidato fiscale nazionale può essere esercitata se la società o l’ente controllante e ciascuna società controllata rientrano tra i soggetti di cui all’art. 73, comma 1, lettere a) e b), del TUIR (s.p.a., s.a.p.a., s.r.l., cooperative e società di mutua assicurazione ed enti commerciali), in presenza di un rapporto di controllo di cui all’art. 2359, comma 1, n. 1), c.c.

La c.d. fiscal unit si compone delle varie società che hanno esercitato l’opzione (c’è una sola consolidante, con la quale le altre società optanti hanno esercitato bilateralmente l’opzione).

Esercitando l’opzione le società che partecipano al consolidato fiscale trasmettono le informazioni sulle relative basi imponibili alla società consolidante, che determina il reddito complessivo globale da tassare ai fini dell’IRES.

Quest’ultimo corrisponde alla somma algebrica dei redditi complessivi netti da considerare (quanto alle società controllate) per l’intero importo indipendentemente dalla quota di partecipazione riferibile al soggetto controllante.

 

Al soggetto controllante spettano:

  1. il riporto a nuovo della eventuale perdita risultante dalla somma algebrica degli imponibili;
  2. la liquidazione dell’unica imposta dovuta o dell’unica eccedenza rimborsabile o riportabile a nuovo.

 

Inoltre, a norma del comma 2 dello stesso articolo:

  • le perdite fiscali ante-consolidato possono essere utilizzate solo dalle società cui esse si riferiscono;
  • le eccedenze d’imposta riportate a nuovo relative agli stessi esercizi possono essere invece utilizzate, alternativamente:
    • dalla società o ente controllante;
    • dalle società cui competono.

Rimane salva la possibilità di applicazione delle disposizioni di cui all’art. 43-ter del D.P.R. n. 602/1973, nel senso che le eccedenze d’imposta non utilizzate nell’ambito del consolidato possono essere cedute all’interno del gruppo ai sensi della norma citata.

 

I versamenti nell’ambito del consolidato fiscale

 

Nell’ambito del consolidato fiscale, gli obblighi di versamento a saldo e in acconto competono esclusivamente al soggetto controllante (art. 118, comma 3).

L’acconto dovuto è determinato sulla base dell’imposta relativa al periodo precedente, al netto delle detrazioni e dei crediti d’imposta e delle ritenute d’acconto, come indicata nella dichiarazione dei redditi, del consolidato.

Per il primo esercizio, la determinazione dell’acconto dovuto dalla controllante è effettuata sulla base dell’imposta, al netto delle detrazioni, dei crediti d’imposta e delle ritenute d’acconto, corrispondente alla somma algebrica dei redditi relativi al periodo precedente come indicati nelle dichiarazioni dei redditi presentate per il periodo stesso dalle società singolarmente considerate.

Si applicano, in ogni caso, le disposizioni di cui all’art. 4 del D.L. 2.3.1989, n. 69, convertito, con modificazioni, dalla L. 27.4.1989, n. 154 (si tratta delle disposizioni relative alla rateazione dell’acconto…

Contenuto disponibile esclusivamente agli utenti abbonati
Per continuare a leggere il contenuto di questo articolo è necessario essere abbonati. Se sei già un nostro abbonato, effettua il login attraverso il modulo di autenticazione posto in cima alla pagina. Se non sei abbonato o ti è scaduto l'abbonamento, che aspetti?
Condividi:
Maggioli ADV
Gruppo Maggioli
www.maggioli.it
Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it www.maggioliadv.it