IMU terreni montani: ci può essere possibilità di chiedere la disapplicazione delle sanzioni

di Nicola Forte

Pubblicato il 10 febbraio 2015

oggi scade il termine per effettuare il versamento dell’IMU dei terreni ubicati nei Comuni ex montani; date la complessa gestazione del provvedimento, è ipotizzabile che in caso di errori il contribuente riesca perlomeno ad ottenere l’inapplicabilità delle sanzioni sussistendo senza alcun dubbio le condizioni previste per ottenere la depenalizzazione, cioè le obiettive condizioni di incertezza della normativa

Oggi, martedì 10 febbraio, scade il termine per effettuare il versamento dell’IMU dei terreni ubicati nei Comuni ex montani cioè individuati sia con le regole del decreto interministeriale del 28 novembre 2014, sia in base alle indicazioni del D.L. n. 4/2015.

 

Secondo quanto previsto dal decreto legge sono esenti dall’IMU i terreni agricoli, compresi quelli non coltivati, ubicati nei Comuni considerati montani in base all’elenco predisposto dall’ISTAT. In questo caso è irrilevante la qualificazione del soggetto passivo. Pertanto l’esenzione spetta anche se il proprietario non è né un coltivatore diretto, né un imprenditore agricolo professionale.

Tale qualifica rileva, invece, per