Rivalutazione di terreni e partecipazioni: le novità 2015

di Nicola Forte

Pubblicato il 16 gennaio 2015

la Legge di stabilità prevede anche per il 2015 la possibilità di rivalutare fiscalmente il valore di terreni e partecipazioni: ecco le regole in vigore per quest'anno

L’art. 1, comma 625, della legge di stabilità del 2015 (legge n. 190/2014) ha riaperto ancora una volta i termini per fruire della rivalutazione del costo di acquisto delle partecipazioni e dei terreni (edificabili e non).

 

Sono stati modificati i termini di cui al D.L. n. 282/2002. Alla luce di questa nuova proroga le persone fisiche, le società semplici, gli enti non commerciali che alla data del 1 gennaio 2015 possiedono partecipazioni (qualificate e non qualificate) e terreni (agricoli o edificabili) possono procedere alla rivalutazione effettuando il pagamento di un’imposta sostitutiva.

La misura del tributo è stata però raddoppiata rispetto alle precedenti proroghe. Entro il 30 giugno del 2015 deve essere