Elusione fiscale e contratto simulato: non c’è sempre intento elusivo


il Fisco non può contestare l’elusione fiscale sulla sola base del fatto che il contratto è simulato; al fine di poter sanzionare il contribuente deve riuscire a dimostrare che l’unico scopo è l’indebito risparmio di imposta

 

Contenuto disponibile solo per utenti abbonati

Per continuare a leggere il contenuto di questa pagina è necessario essere abbonati. Se sei già un nostro abbonato, effettua il login attraverso il modulo di autenticazione in alto a destra. Se non sei abbonato o ti è scaduto l'abbonamento, che aspetti?


Partecipa alla discussione sul forum.