L'imposta sui fabbricati all'estero e le agevolazioni in fase di calcolo

Come già commentato su queste colonne (“Fabbricati all’estero: i nuovi obblighi fiscali” del 18/1/2013), l’articolo 19, commi da 13 a 17, del decreto legge 6 dicembre 2011, n. 201, modificato da ultimo dalla Legge di stabilità per il 2013 (L. 228 del 2012) ha istituito un’imposta sul valore degli immobili situati all’estero (IVIE) di proprietà di persone fisiche residenti nel territorio dello Stato, nella misura dello 0,76% del valore dell’immobile.
Sull’argomento, si è espresso, di recente, l’Istituto di Ricerca dei Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili (Documento n. 13 del febbraio 2013) rubricato, appunto, alla tassazione degli immobili esteri. Sono tenuti all’obbligo impositivo in commento, oltre ai proprietari di fabbricati, aree fabbricabili e terreni a qualsiasi uso destinati (compresi quelli …

Contenuto disponibile esclusivamente agli utenti abbonati
Per continuare a leggere il contenuto di questo articolo è necessario essere abbonati. Se sei già un nostro abbonato, effettua il login attraverso il modulo di autenticazione posto in alto a destra. Se non sei abbonato o ti è scaduto l'abbonamento, che aspetti?
Maggioli ADV
Gruppo Maggioli
www.maggioli.it
Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it www.maggioliadv.it