Fabbricati all'estero: i nuovi obblighi fiscali

L’articolo 19, commi da 13 a 17, del decreto legge 6 dicembre 2011, n. 201, convertito, con modificazioni, dalla legge 22 dicembre 2011, n. 214 aveva originariamente istituito, a decorrere dal 2011, un’imposta sul valore degli immobili situati all’estero (IVIE) di proprietà di persone fisiche residenti nel territorio dello Stato o in relazione ai quali le stesse siano titolari di diritti reali, nella misura dello 0,76% del valore dell’immobile. Successivamente, l’art. 8 del DL 2.3.2012 n. 161 ha modificato in modo sostanziale l’impianto della suddetta imposta prevedendo, in estrema sintesi:

l’introduzione di una soglia di esenzione per il versamento del tributo;

l’introduzione di specifiche regole di valorizzazione degli immobili e l’attribuzione di un credito per le imposte patrimoniali e reddituali pagate all’estero, nel caso in cui gli stessi …

Contenuto disponibile esclusivamente agli utenti abbonati
Per continuare a leggere il contenuto di questo articolo è necessario essere abbonati. Se sei già un nostro abbonato, effettua il login attraverso il modulo di autenticazione posto in alto a destra. Se non sei abbonato o ti è scaduto l'abbonamento, che aspetti?
Maggioli ADV
Gruppo Maggioli
www.maggioli.it
Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it www.maggioliadv.it