I conti della moglie giocano con quelli del marito

di Gianfranco Antico

Pubblicato il 22 gennaio 2013

in caso di indagini finanziarie il Fisco può utilizzare anche i dati ed i movimenti del coniuge dell'imprenditore per contestare maggiori ricavi da versamenti non giustificati

Con la sentenza n. 21420 del 30 novembre 2012 (ud. 11 ottobre 2012) la Corte di Cassazione ha confermato che le movimentazioni non giustificate sui conti della moglie giocano sui conti del marito.

 

Gli indizi

Gli elementi indiziari che emergevano dal PVC redatto dalla Guardia di Finanza erano costituiti:

1) dalla frequenza e notevole entità delle somme movimentate sul conto del coniuge;

2) dalla assenza di redditi propri dichiarati dal coniuge, che svolgeva attività di casalinga;

3) dalla mancanza di giustificazioni fornite dal coniuge in ordine alle predette movimentazioni ed alla provenienza delle relative somme;

4) dalla modestissima entità dei ricavi dichiarati per gli anni 1993 e 1994 dal contribuente, che appariva inattendibile in relazione allo specifico settore commerciale (prodotti tessili).

 

Il pronunciamento della Corte

La Corte, in apertura, ribadisce che "in tema di accertamento delle imposte, il D.P.R. 29 settembre 1973, n. 600, art. 32, n. 7, e il D.P.R. 26 ottobre 1972, n. 633, art. 51, autorizzano l'Ufficio finanziario a procedere all'accertamento fiscale anche attraverso indagini su conti correnti bancari formalmente intestati a terzi, ma che si ha motivo di ritenere connessi ed inerenti al reddito del contribuente, acquisendo dati, notizie e documenti di carattere specifico relativi a tali conti, sulla base di elementi indiziari" (cfr. Corte Cass. 5' sez. 17.06.2002 n. 8683 - con specifico riferimento a conto corrente intestato al coniuge del contribuente -; id. 5' sez. 21.12.2007 n. 27032) o quando comunque "l'ufficio abbia motivo di ritenere, in base agli elementi indiziari raccolti, che gli stessi siano stati utilizzati per occultare operazioni commerciali, ovvero per imbastire una vera e propria gestione extra-contabile, a scopo di evasione fiscale" (cfr. Corte Cass. 5 sez. 12.01.2009 n. 374).

La prova dell'interposizione fittizia o fiduciaria nella intestazione dei conti/depositi o comunque la prova della pertinenza delle movimentazioni bancarie ad operazioni commerciali o finanziarie riconducibili all'attività di impresa svolta dal contribuente è diretta a dimostrare - anche mediante mera argomentazione logica fondata su presunzione semplice ex art. 2729 c.c. la riferibilità di detti movimenti alla produzione di ricavi non contabilizzati, “e dunque a consentire l'applicazione delle predette presunzioni legali di accertamento dei maggior reddito imponibile salvo che il contribuente sia in grado di dimostrare di aver tenuto conto - nelle dichiarazioni presentate - degli importi rilevati nei conti/depositi ovvero non ne giustifichi la omessa indicazione in quanto riferibili ad operazioni non imponibili” (cfr. in tal senso: Corte Cass. 5' sez. 24.09.2010 n. 20197 ed id. 5' sez. 24.09.2010 n. 20199 - in materia di imposte dirette - secondo cui