Presunzioni da redditometro e prova contraria: una partita difficile

L’accertamento sintetico, con particolare riguardo al redditometro, pare destinato ad un utilizzo via via crescente da parte dell’amministrazione finanziaria, alla luce degli indirizzi da ultimo evidenziatisi, tra l’altro, con l’invio delle ormai famigerate “lettere di primavera”.

E’ pertanto in tale contesto che diventa di fondamentale rilievo acquisire familiarità con lo strumento, onde tracciare e precostituire ipotesi di tutela e difesa dallo stesso. Diviene di cruciale importanza, in tal senso, l’approntamento della prova contraria: alla luce di alcuni casi affrontati dalla giurisprudenza, si svilupperanno riflessioni utili ad affrontare il contraddittorio con gli uffici, e la fase contenziosa.

Contenuto disponibile esclusivamente agli utenti abbonati
Per continuare a leggere il contenuto di questo articolo è necessario essere abbonati. Se sei già un nostro abbonato, effettua il login attraverso il modulo di autenticazione posto in cima alla pagina. Se non sei abbonato o ti è scaduto l'abbonamento, che aspetti?
Condividi:
Maggioli ADV
Gruppo Maggioli
www.maggioli.it
Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it www.maggioliadv.it