Evasione fiscale: occultamento o distruzione di scritture contabili

di Antonio Gigliotti

Pubblicato il 17 aprile 2012



può rispondere del reato di occultamento e distruzione delle scritture contabili l’imprenditore del settore immobiliare che non conserva i preliminari di compravendita, inibendo all’Amministrazione finanziaria la riscossione delle imposte sulle caparre

Può rispondere del reato di occultamento e distruzione delle scritture contabili l’imprenditore nel settore immobiliare che non conserva i preliminari di compravendita, inibendo all’Amministrazione finanziaria la riscossione delle imposte sulle caparre. Infatti, il riferimento alle scritture richieste dalla "natura dell'impresa", non può ritenersi limitato al contenuto degli articoli 2421, 2478 e 2519 Codice civile, ma anche alla tipologia dell'attività svolta.

A stabilirlo la Corte di Cassazione Penale, con la sentenza numero 1377 del 17 gennaio 2012.

Scarica il documento