Il superbollo sulle auto "di lusso"; spesometro e medico di base; lite tributaria e spese di lite; contribuenti minimi e prestazione occasionale

QUESITO N. 1: Superbolloauto e soggetti disabili

Un soggetto disabile proprietario di un’autovettura di 250 kw del 2000, la cui modifica inerente la disabilità è trascritta sul libretto di circolazione, può avere la riduzione dell’addizionale erariale in base agli anni decorsi dalla costruzione dell’auto?

RISPOSTA

Nel caso di specie, il soggetto portatore di handicap è esonerato dal pagamento sia del bollo ordinario, che del superprelievo previsto dalla manovra, in ragione della disabilità di cui è affetto.

La manovra Monti, il dl. 6 dicembre 2011, n. 201 convertito in legge 22 dicembre 2011, n. 214, ha previsto la tassazione dei beni di lusso, tra cui le auto con potenza superiore ai 185 kw. Per ogni kw superiore a questa soglia indicata come minima si pagherà 20 euro in più.

Riduzioni dell’addizionale erariale in questione sono previste in base agli anni di costruzione del veicolo, ossia del 60% dopo 5 anni, 30% dopo 10 e 15% dopo 15 anni.

Le persone disabili hanno però diritto all’esenzione dal pagamento del bollo auto e l’addizionale erariale alla tassa automobilistica introdotta dal dl. n. 201 del 2011, segue lo stesso destino del bollo ordinario. Se questo manca, non è dovuto neanche il superprelievo.

Sono due tributi, quindi, strettamente collegati fra di loro e quando è dovuto uno, lo è anche l’altro e viceversa.

Così, ha anche specificato l’Agenzia delle Entrate, con la circolare n. 49/E dell’8 novembre scorso, per cui “ai fini dell’applicazione del nuovo tributo, si precisa che lo stesso, che ha natura di addizionale ad un tributo principale (tassa automobilistica) è dovuto solo quando risulti realizzato il presupposto di applicazione della tassa automobilistica”.

 

QUESITO N. 2: Tassa auto di lusso e riduzioni

Un soggetto possiede un’Audi A4 3.2 V6 FSI del 2010 di 265 cavalli. Deve pagare il superbollo o può godere della riduzione in base agli anni decorsi dalla costruzione del veicolo?

RISPOSTA

La manovra Monti all’articolo 16, introducendo la tassazione di beni di lusso, ha previsto l’addizionale erariale della tassa automobilistica di 20 euro per ogni kw superiore a 185. Nel caso in oggetto, l’auto ha 265 cavalli che corrispondono a 195 kw di potenza, perciò la misura dell’addizionale erariale sulla tassa automobilistica è di 40 euro (190 kw: 20 euro + 195 kw: 20 euro = 40).

Il modello dell’auto in questione è del 2010 e non sono previste riduzioni dell’addizionale in oggetto. Questa va versata totalmente.

Ciò perché la riduzione della tassa è commisurata all’anno di costruzione del veicolo.

Si avrà allora che:

  • dopo 5 anni: la riduzione è del 60% dell’intero;

  • dopo 10 anni: la riduzione è del 30% dell’intero;

  • dopo 15 anni: la riduzione è del 15% dell’intero.

Il soggetto nel caso in oggetto dovrà attendere il 2015 (dopo 5 anni dalla costruzione del veicolo) per ottenere la riduzione del 60 per cento, della misura dell’addizionale erariale sulla tassa automobilistica.

 

QUESITO N. 3: Spesometro e medico convenzionato con Asl

Un medico dotato di proprio ambulatorio risoluta convenzionato con un’Asl. La comunicazione delle operazioni Iva (c.d. “spesometro”) deve essere effettuata anche per i mandati ricevuti dall’Asl? In caso affermativo, il limite di 3.000 euro va considerato per ogni documento o per anno solare?

RISPOSTA

L’articolo 21 del decreto-legge 31 maggio 2010, n. 78, convertito con modificazioni nella legge 30 luglio 2010, n. 122, ha introdotto l’obbligo di comunicazione telematica delle operazioni rilevanti ai fini dell’IVA, di importo non inferiore a 3.000 euro.

Oggetto della comunicazione sono le operazioni rilevanti ai fini IVA, ossia le operazioni per le quali coesistono tutti i requisiti essenziali di cui all’articolo 1 del d.p.r 633/72.

Le prestazioni indicate nel quesito sono dotate di tutti i requisiti previsti dall’art. 1 del d.p.r. 633/72, pertanto sono oggetto di comunicazione.

Il punto 2.2. del provvedimento del 22 dicembre 2010 dispone che…

Contenuto disponibile esclusivamente agli utenti abbonati
Per continuare a leggere il contenuto di questo articolo è necessario essere abbonati. Se sei già un nostro abbonato, effettua il login attraverso il modulo di autenticazione posto in cima alla pagina. Se non sei abbonato o ti è scaduto l'abbonamento, che aspetti?
Condividi:
Maggioli ADV
Gruppo Maggioli
www.maggioli.it
Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it www.maggioliadv.it