L’ammortamento del disaggio su prestiti, il rimborso dei prestiti obbligazionari e le obbligazioni convertibili

di Enrico Larocca

Pubblicato il 26 settembre 2006



A completamento dell’analisi relativa ai prestiti obbligazionari, approfondiamo alcune tematiche specifiche quali: l’ammortamento del disaggio su prestiti, il rimborso del prestito obbligazionario e l’emissione di obbligazioni convertibili.

 

A completamento dell’analisi relativa ai prestiti obbligazionari, appare necessario approfondire alcune tematiche specifiche quali: l’ammortamento del disaggio su prestiti, il rimborso del prestito obbligazionario e l’emissione di obbligazioni convertibili (a cui abbiamo anche dedicato un articolo).

 

Il disaggio su prestiti: problemi operativi e aspetti contabili

L’emissione di obbligazioni ordinarie sotto la pari – cioè con un prezzo di emissione inferiore al valore nominale del titolo – fa emergere una differenza che tecnicamente si denomina disaggio di emissione.

In realtà, il disaggio di emissione è costituito dalla somma dello scarto di emissione, maggiorato degli oneri accessori di collocamento delle obbligazioni. Tale differenza deve essere sistematicamente ammortizzata, in conformità al piano di ammortamento del prestito obbligazionario, individuando cioè una relazione di proporzionalità tra il rimborso del prestito e l’ammortamento del disaggio.

La rilevazione contabile dell’ammortamento annuale del disaggio su prestiti sarà allocata nell’area C) del Conto Economico, quale costo di natura finanziaria e precisamente alla voce C 17) del prospetto contabile citato. Poiché si tratta sostanzialmente di un onere pluriennale da ripartire, la sua partecipazione alla formazione del reddito d’esercizio avverrà utilizzando la tecnica dei risconti.

Volendo individuare un algoritmo che formalizzi la relazione tra Disaggio su prestiti e Interessi passivi sul prestito obbligazionario e ci consenta calcolare le quote di disaggio in correlazione funzionale con gli interessi si procederà come segue:
Posto Qa uguale alla quota annuale di ammortamento del disaggio, Dt il disaggio su prestiti complessivo, It il totale degli interessi passivi relativi al prestito obbligazionario e Ia la quota di interessi passivi obbligazionari di competenza dell’anno, avremo:
Qa = (Dt * It) / Ia

Si supponga che una S.p.A. abbia emesso un prestito obbligazionario ordinario di 5.000.000 di Euro diviso in obbligazioni da 5 Euro nominali ciascuna, al tasso di interesse del 5% con godimento unico annuale 01/09. Il prezzo di emissione delle obbligazioni è di 98 ed il rimborso avverrà in 5 rate annuali a quote costanti, la prima con scadenza il 01/09 dell’anno successivo.

Supponendo che le spese accessorie di emissione e collocamento, siano state di 20.000 Euro, calcoliamo l’ammontare degli interessi e la correlata quota di ammortamento del disaggio di emissione.

  1. Calcolo dello scarto di emissione = [5.000.000 – (5.000.000 * 0,98)] = 100.000
  2. Calcolo del Disaggio su prestito = 100.000 + 20.000 = 120.000;
  3. Calcolo della quota di capitale di rimborso = 5.000.000 : 5 anni = 1.000.000
  4.  

Per il calcolo correlato della quota di interessi e della quota di disaggio su prestiti, appare opportuno procedere in due tempi:

  1. a) nella prima fase si costruisce una tabella per il calcolo periodico degli interessi obbligazionari di competenza;
  2. b) nella seconda fase si procede alla costruzione di una seconda tabella, con la quale rappresentare il riparto temporale del disaggio su prestiti.

 

Tabella n. 1: Calcolo degli interessi sul prestito obbligazionario

calcolo interessi prestito obbligazionario

 

Legenda:

C = Prestito obbligazionario

Df = Data finale di godimento del periodo considerato

Di = Data iniziale di godimento del periodo considerato

t = tempo di godimento espresso in giorni

r = tasso nominale di interessi

I = Interessi complessivi tempo per tempo

Ia = Interessi di competenza dell’anno

 

In sintesi:

Il conteggio degli interessi è stato fatto tenendo conto del processo di rimborso del prestito e calcolando gli stessi sul debito residuo alla data di riferimento. In fondo alla tabella sono poi riportati gli interessi totali dovuti sul prestito obbligazionario.

Una volta calcolato il totale degli interessi obbligazionari, è possibile calcolare il coefficiente di riparto, in funzione del quale si calcoleranno le quote annuali di ammortamento del disaggio, correlate agli interessi obbligazionari di competenza.

Posto che ( Dt / It ) rappresenta il coefficiente di riparto, sostituendo si avrà (120.000 / 750.000) il cui risultato è 0,16.

Nella tabella che segue risulta rappresentato il processo di riparto del disaggio (detto ammortamento del disaggio) in funzione degli interessi obbligazionari di competenza
di ciascun anno, secondo l’algoritmo: Qa = (Dt * It ) / Ia  (...continua nel PDF scaricabile ⇓)

 

A cura di Enrico Larocca  

 

SCARICA L'ARTICOLO COMPLETO SUI PRESTITI OBBLIGAZIONARI

Scarica il documento