Sciopero commercialisti: l’adesione alla protesta non determinerà sanzioni e interessi

Sciopero commercialisti: l’adesione alla protesta non determinerà sanzioni e interessi

L’Associazione Italiana Dottori Commercialisti, in un nuovo comunicato stampa del 19 settembre 2019, ha chiarito che l’adesione allo sciopero indetto non produrrà il pagamento di sanzioni o interessi. L’adesione consisterà nel mancato invio dei modelli F24 dei commercialisti stessi e non dei loro clienti, nel periodo compreso tra il 30 settembre e il 1° ottobre. Dal 29 settembre al 7 ottobre, vi sarà astensione dalle udienze nelle Commissioni Tributarie.

Condividi:
Maggioli ADV
Gruppo Maggioli
www.maggioli.it
Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it www.maggioliadv.it