Sciopero commercialisti: l’adesione alla protesta non determinerà sanzioni e interessi

di Angelo Facchini

Pubblicato il 23 settembre 2019



L’Associazione Italiana Dottori Commercialisti, in un nuovo comunicato stampa del 19 settembre 2019, ha chiarito che l’adesione allo sciopero indetto non produrrà il pagamento di sanzioni o interessi. L’adesione consisterà nel mancato invio dei modelli F24 dei commercialisti stessi e non dei loro clienti, nel periodo compreso tra il 30 settembre e il 1° ottobre. Dal 29 settembre al 7 ottobre, vi sarà astensione dalle udienze nelle Commissioni Tributarie.