Lavoro: assunzioni e lavoro autonomo per i profughi ucraini

di Angelo Facchini

Pubblicato il 11 aprile 2022

In deroga ai numeri previsti dal decreto flussi che disciplina ogni anno l’accesso al lavoro in Italia dei cittadini extracomunitari, per i profughi ucraini si apre una “corsia preferenziale” per le assunzioni o l’avvio di lavoro autonomo. Il tutto è possibile grazie all’ordinanza 872/2022 della Protezione civile, che con la sola richiesta del permesso di soggiorno presentata in Questura e legata alla protezione temporanea Ue, permette ai profughi di accedere alle forme di lavoro subordinato, stagionale, autonomo.