Decreto rilancio: i contributi a fondo perduto

di Angelo Facchini

Pubblicato il 11 maggio 2020

Il decreto Rilancio prevede dei contributi a fondo perduto per i soggetti titolari di partita IVA. Beneficiari sono imprese e professionisti che hanno subito perdite di ricavi o compensi pari almeno a due terzi di fatturato e corrispettivi al mese di aprile 2020 rispetto allo stesso mese del 2019. Ne saranno esclusi (in base a quanto finora si legge) i percettori del bonus INPS 600/1000 euro. Per i soggetti che hanno iniziato l’attività dal 1° gennaio 2019 il contributo spetta anche in assenza dei requisiti relativi alla riduzione di fatturato. Il contributo spettante sarà una percentuale compresa tra il 15 e il 25%, in base all’importo di ricavi o compensi realizzati nel 2019.