Il Decreto Fisco Lavoro: le novità su riscossione, agevolazioni, IVA e altro

di Danilo Sciuto

Pubblicato il 17 dicembre 2021

Breve sintesi delle principali novità introdotte dal nuovo Decreto Fisco Lavoro in tema di IVA, IMU, fatture elettroniche e, soprattutto, riscossione coi nuovi termini per il pagamento delle cartelle

In sede di conversione in Legge del decreto 146/21 (denominato "Fisco Lavoro") sono state apportate definitivamente delle modifiche, le più importanti delle quali ci proponiamo di riportare.

Iniziamo senz’altro con quanto previsto in tema di riscossione.

 

Nuovo Decreto Fisco Lavoro: le novità in tema di riscossione

nuovo decreto fisco lavoroE’ previsto che le cartelle di pagamento notificate dal 1° settembre 2021 al 31 dicembre 2021 siano pagate entro 180 giorni.

Inoltre, per gli avvisi bonari scadenti dall’8 marzo 2020 al 31 maggio 2020, il pagamento è posticipato al 16 dicembre 2021 e va eseguito in unica soluzione.

Inoltre, per le dilazioni dei ruoli in essere all’8 marzo 2020, la decadenza si verifica con il mancato pagamento di 18 rate anche non consecutive.

Il termine per pagare le rate scadut