Bonus terme: piattaforma in dirittura d’arrivo?

di Danilo Sciuto

Pubblicato il 23 settembre 2021



A breve sarà accessibile anche il bonus terme che permetterà ai cittadini di richiedere un contributo per accedere ai servizi termali convenzionati col SSN: manca solo la piattaforma on line.

Come funzionerà il Bonus terme

 

bonus termeIl bonus terme è l’agevolazione di cui il cittadino potrà beneficiare prenotando i servizi termali di proprio interesse presso uno stabilimento termale prescelto ed è stata introdotta dall’art. 29-bis del D.L. n. 104/2020 (denominato “Decreto Agosto”).

Tale agevolazione ha avuto il proprio decreto attuativo, che è stato emanato l’1/07/2021.

Il bonus coprirà fino al 100% del servizio acquistato, ma con un tetto massimo di 200,00 euro; l’eventuale parte eccedente del costo del servizio sarà a carico del cittadino.

Per tale parte, si ricorda che nel novero delle spese sanitarie per le quali si ha diritto alla detrazione d’imposta del 19%, rientrano anche quelle sostenute per cure termali, escluse le spese di viaggio e soggiorno. La detrazione spetta in presenza di prescrizione medica che dimostri il collegamento tra la prestazione e la patologia.

Ai fini dell’agevolazione, sarà necessario conservare la ricevuta relativa al ticket, se la prestazione è resa nell’ambito del Servizio sanitario nazionale, o la prescrizione medica e la ricevuta attestante l’importo della spesa sostenuta se le cure sono rese direttamente dalla struttura termale.

I servizi termali non devono essere già a carico del Servizio Sanitario Nazionale, di altri enti pubblici, o oggetto di ulteriori benefici riconosciuti all’utente; naturalmente, sono salve le detrazioni previste dalla normativa fiscale sul costo del servizio termale eventualmente non coperto dal buono.

 

Stabilimenti termali accreditati

L’elenco degli stabilimenti termali accreditati sarà pubblicato sui siti internet del Ministero e di Invitalia; da allora, i cittadini potranno rivolgersi direttamente agli istituti termali per prenotare il bonus e per ricevere supporto e indicazioni sul suo utilizzo.

Lo stabilimento termale prescelto provvederà a rilasciare l’attestato di prenotazione, che avrà un termine di validità di 60 giorni dalla sua emissione; pertanto, i servizi prenotati dovranno essere usufruiti entro tale termine.

 

Le prenotazioni per il Bonus terme non sono ancora aperte

L’ente termale presso il quale il cittadino ha fruito i servizi termali provvederà poi a richiedere a Invitalia, mediante apposita piattaforma informatica, il rimborso del valore del buono utilizzato dal cittadino.

Il bonus non è in nessun caso cedibile a terzi, non costituisce reddito imponibile dell’utente e non rileva ai fini del computo del valore dell’indicatore della situazione economica equivalente (ISEE); nessun limite legato al nucleo familiare.

Con avviso pubblicato sui siti internet del MISE e di Invitalia, soggetto gestore della misura, sarà data comunicazione dell’apertura delle prenotazioni dei bonus.

Al momento infatti il bonus terme non è attivo, in attesa della stipula della convenzione con il soggetto gestore, Invitalia, e gli iter previsti dalla legge.

A cura di Danilo Sciuto

Giovedì 23 Settembre 2021