Credito imposta investimenti pubblicitari: pubblicato elenco dei beneficiari prenotati

di Danilo Sciuto

Pubblicato il 7 maggio 2021

E' stato pubblicato l'elenco dei soggetti beneficiari del credito d'imposta per investimenti pubblicitari. Ricordiamo che lo stanziamento del credito non è ancora definitivo...

credito imposta investimenti pubblicitariCome è noto, l’articolo 57 bis del decreto legge 50/17, convertito con modificazioni dalla legge n. 96/2017, e successive modifiche, ha introdotto un credito di imposta a favore delle imprese, dei lavoratori autonomi e degli enti non commerciali che hanno effettuato investimenti in campagne pubblicitarie sulla stampa quotidiana e periodica anche on line e sulle emittenti televisive e radiofoniche locali, analogiche o digitali, il cui valore superi almeno dell'1% (uno per cento) gli analoghi investimenti effettuati sugli stessi mezzi di informazione nell'anno precedente.

Tale credito è pari al 75% del valore incrementale degli investimenti effettuati, elevato al 90% nel caso di microimprese, piccole e medie imprese e start up innovative.

Per fruire di tale credito occorreva ovviamente presentare apposita istanza.

NdR: Potrebbe interessarti anche... Bonus Pubblicità: condizioni e limiti

 

Da ieri sono disponibili (soltanto) i beneficiari e gli importi dell’agevolazione teoricamente fruibile riferita a giornali e quotidiani. Le somme saranno rese definitive una volta definito lo stanziamento per tv e radio.

L’elenco è disponibile sul sito del dipartimento per l’Informazione e l’Editoria: https://informazioneeditoria.gov.it/media/3480/soggetti-richiedenti_comunicazioni-bonus-pubblicita-2021.pdf

E’ ancora in attesa invece l’agevolazione relativa alle emittenti radiotelevisive, fin quando non verrà definito lo stanziamento delle somme a esse destinate.

E’ chiaro dunque che gli importi del “credito teoricamente fruibile” indicati nell’elenco succitato subiranno variazioni, fissate anche le risorse destinate per le emittenti radiotelevisive.

La somma definitiva spettante a ognuno sarà infatti determinabile soltanto dopo stabilito lo stanziamento complessivo diretto al bonus.

Fissato l’ammontare complessivo della somma a disposizione, sarà pubblicato un nuovo elenco con il contributo “teorico” aggiornato, assegnato a ciascun richiedente e la percentuale provvisoria di riparto nel rispetto della disciplina del “de minimis”.

Per beneficiare del bonus, chi ha già inviato la “comunicazione per l’accesso al credito di imposta” 2021, dovrà, in ogni caso, inviare telematicamente, dal 1° al 31 gennaio 2022, la “Dichiarazione sostitutiva relativa agli investimenti effettuati”.

L’attestazione, relativa a quanto speso nell’anno per cui si richiede il bonus, come di consueto, dovrà essere trasmessa tramite l’apposita piattaforma resa disponibile nell’area riservata del sito dell'Agenzia delle entrate.

Vedi anche: Legge di bilancio 2021: il rilancio del bonus pubblicità

 

A cura di Danilo Sciuto

Venerdì 7 Giugno 2021