Credito di imposta per soci che sottoscrivono aumenti di capitale

di Gianfranco Visconti

Pubblicato il 11 marzo 2021

I soci che effettuano conferimenti in denaro in esecuzione di un aumento di capitale di qualsiasi importo, godono di un credito di imposta del 20% delle somme versate. In questo articolo analizziamo i casi in cui si gode di tale beneficio fiscale e cerchiamo di capire se tale agevolazione è cumulabile con altre.

credito imposta aumenti di capitaleAi soci che effettuano conferimenti in denaro, in una o più società, in esecuzione di un aumento di capitale di qualsiasi importo, è riconosciuto un credito di imposta del 20% delle somme versate, in base al quarto comma dell’art. 26 del DL 4/2020.

L’investimento massimo del singolo socio[1], in una o più società, su cui calcolare il credito di imposta non può essere superiore a 2.000.000 di Euro (il credito d’imposta non può quindi superare i 400.000 Euro per singolo investitore) e le azioni o quote così sottoscritte devono essere possedute fino al 31 Dicembre 2023.

La distribuzione di riserve di qualsiasi tipo prima di tale data comporta la decadenza dal credito di imposta e l’obbligo di restituire l’ammontare di esso già utilizzato più gli interessi legali.[2]

 

Potrebbe interessarti anche:

L’investimento del Fondo patrimonio PMI nelle obbligazioni emesse da PMI di media dimensione

Il credito di imposta per le perdite che riducono il patrimonio netto della società

Investimenti nel patrimonio delle imprese: definiti termini e modalità per poter fruire dei bonus fiscali – Diario Quotidiano del 15 Marzo 2021

Decreto Rilancio: tre strumenti agevolativi integrati per ricapitalizzare le PMI

 

L’investimento Agevolabile

L’investimento, cioè la sottoscrizione dell’aumento del capitale sociale, può essere fatta direttamente dal socio oppure attraverso l’acquisto di quote o azioni di organismi di investimento collettivo del risparmio (OICR, che sono per legge investitori professionali) che non siano a partecipazione pubblica, che siano residenti nel territorio dello Stato e che investano in misura superiore al 50% nel capitale sociale delle imprese di cui all’art. 26 del DL 34/2020, cioè di PMI aventi forma giur