Congedo padri lavoratori: cosa cambia nel 2021

di Antonella Madia

Pubblicato il 23 marzo 2021



Il 2021 reca novità anche per quanto concerne i congedi parentali per padri lavoratori dipendenti, grazie alla Legge di Bilancio 2021 che non solo ha portato a dieci giorni il numero di giornate di congedo obbligatorio fruibili, ma garantisce la fruizione di tale periodo anche nel caso di morte perinatale del figlio.

Estensione del congedo per padri lavoratori

congedo padri lavoratori 2021La Legge di Bilancio 2021 (Legge n. 178 del 30 dicembre 2020) ha previsto una proroga del congedo obbligatorio e facoltativo dei padri lavoratori dipendenti per l'anno 2021, oltre che un ampliamento da 7 a 10 giorni del periodo di fruizione del congedo obbligatorio per il padre per l’anno in corso.

L’articolo 1, comma 363, lettera a) della Legge n. 178/2020 (Legge di Bilancio 2021) ha previsto che il congedo obbligatorio per padri lavoratori dipendenti introdotto dalla Legge n. 92/2012, articolo 4, comma 24, lett. a), si applichi anche alle nascite, alle adozioni o affidamenti, che siano avvenuti nell'anno 2021. Sulla base di quanto stabilito poi dalla lettera b) del comma 363, articolo 1, la durata del congedo obbligatorio suddetta è aumentato a 10 giorni per l'anno 2021; tali giornate possono essere fruite:

  • anche in via non continuativa;
  • purché entro i 5 mesi di vita o dall'ingresso in famiglia un'Italia del minore