Credito d’imposta e test sierologici sul personale dipendente

L’Agenzia Entrate interviene sulla questione relativa all’applicabilità del credito d’imposta per la sanificazione degli ambienti di lavoro e l’acquisto di dispositivi di protezione anche ai test sierologici. Fa chiarezza una recente circolare…

Test sierologici su personale dipendente: l’intervento dell’Agenzia Entrate

credito imposta test sierologici dipendenteCon la risposta n. 510 all’interpello posto ad Agenzia delle Entrate, la stessa fornisce chiarimenti in relazione all’art. 125 del decreto legge 19 maggio 2020, n. 34 (decreto Rilancio), in relazione alle spese sostenute per eseguire test sierologici sul personale dipendente.

Nel caso di specie, la società istante sottolinea che l’articolo 125 del decreto legge n. 34 sopracitato, reca la dicitura: «Misure urgenti in materia di salute, sostegno al lavoro e all’economia, nonché di politiche sociali connesse all’emergenza epidemiologica da COVID-19», riconoscendo un credito d’imposta per la sanificazione e l’acquisto di dispositivi di protezione e di altri dispositivi atti a garantire la salute dei lavoratori e degli utenti.

Su tale argomento puoi leggere “Credito d’imposta per sanificazione e adeguamento ambienti di lavoro”

 

Credito d’imposta sanificazione ambienti di lavoro: le spese ammesse

Sono ammissibili al credito le spese per la sanificazione degli ambienti e degli strumenti utilizzati nell’ambito dell’attività di impresa, l’acquisto di dispositivi di protezione individuale, l’acquisto di prodotti detergenti e disinfettanti, l’acquisto di dispositivi di sicurezza quali termometri, termo scanner, tappeti e vaschette decontaminanti e igienizzanti, e l’acquisto di dispositivi atti a garantire la distanza di sicurezza interpersonale.

La finalità della norma è quella di favorire l’adozione, da parte delle imprese, di misure dirette a contenere e contrastare la diffusione del Covid-19, a tutela della salute e sicurezza dei lavoratori.

 

I dubbi sui test sierologci

Dalla lettura del comma 2 del citato articolo 125 non si evince se tali test, finalizzati a contenere e contrastare la diffusione del Covid-19, rientrino tra le spese ammissibili al credito.

La società istante ritiene, dunque, che le spese sostenute per l’esecuzione dei test sierologici ai dipendenti, possano rientrare nell’ambito applicativo del credito d’imposta, tenuto conto che si tratta comunque di strumenti atti a contenere e contrastare la diffusione del Covid-19, a tutela della salute e sicurezza dei lavoratori.

L’Agenzia delle Entrate risponde all’interpello sostenendo l’articolo 125 del Decreto rilancio ha introdotto un credito d’imposta in misura pari al 60% delle spese «sostenute nel 2020 per la sanificazione degli ambienti e degli strumenti utilizzati, nonché per l’acquisto di dispositivi di protezione individuale e di altri dispositivi atti a garantire la salute dei lavoratori e degli utenti».

Il comma 1 dell’articolo 125 stabilisce che la disposizione in esame trova applicazione nei riguardi di «soggetti esercenti attività d’impresa, arti e professioni, […] enti non commerciali, compresi gli enti del Terzo settore e gli enti religiosi civilmente riconosciuti».

 

La circolare n. 20/E/2020 dell’Agenzia Entrate: i primi chiarimenti sui test sierologici

Con la circolare del 10 luglio 2020, n. 20/E sono stati forniti i primi chiarimenti in relazione all’agevolazione qui in esame.

In particolare, con tale documento di prassi è stato precisato che il comma 2 dell’articolo 125 del decreto contiene un elenco esemplificativo di fattispecie riferibili alle spese agevolabili, identificate nel comma 1.

Si tratta, in particolare:

  1. della sanificazione degli ambienti (e degli strumenti utilizzati), come descritta nel paragrafo 2.2.1 della circolare n. 20/E del 2020;
     
  2. dell’acquisto di dispositivi di protezione individuale (e di altri dispositivi atti a garantire la salute dei lavoratori e degli utenti), cfr. paragrafo 2.2.2 del menzionato documento di prassi.

Alla luce di quanto sopra, si ritiene che le spese oggetto della presente istanza (i.e. le spese sostenute per eseguire test sierologici sul personale dipendente), non essendo riferibili né all’attività di sanificazione, né all’acquisto di dispositivi di protezione individuale e di…

Contenuto disponibile esclusivamente agli utenti abbonati
Per continuare a leggere il contenuto di questo articolo è necessario essere abbonati. Se sei già un nostro abbonato, effettua il login attraverso il modulo di autenticazione posto in cima alla pagina. Se non sei abbonato o ti è scaduto l'abbonamento, che aspetti?
Condividi:
Maggioli ADV
Gruppo Maggioli
www.maggioli.it
Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it www.maggioliadv.it