Motivazione apparente, sentenza nulla

di Enzo Di Giacomo

Pubblicato il 31 ottobre 2020

La sentenza che contiene una motivazione solo apparente è nulla, in quanto non rappresenta espressione di un autonomo processo deliberativo.

motivazione apparente sentenza nullaLa sentenza di appello motivata solo “per relationem” alla sentenza di primo grado, attraverso una generica condivisione delle argomentazioni di quella di primo grado, senza alcuna criticità delle stesse in base ai motivi di gravame, è nulla. Lo sostiene la Cassazione nella sentenza n. 15081 del 15/07/2020.

 

Sull'argomento abbiamo pubblicato anche:

Sentenza motivata per relationem, nulla

Quando può dirsi apparente la motivazione di una sentenza

La motivazione degli atti fiscali

 

 

Motivazione apparente da luogo a sentenza nulla: normativa del Codice di procedura civile

La sentenza, come recita l’art. 132 del Codice di procedura civile, deve contenere l'intestazione «Repubblica italiana», ed è pronunciata «In nome del popolo italiano».

Essa deve contenere, oltre l'indicazione del giudice che l'ha pronunciata, l'indicazione delle parti e dei loro difensori.

Le conclusioni del pubblico ministero e quelle delle parti, ed, inoltre, “la concisa esposizione delle ragioni di fatto e di diritto della decisione (disp. att. 118).

Infatti l’art. 132, comma 1, del Codice di procedura civile, al n. 4), individua, tra gli elementi che devono essere indefettibilmente presenti nella sentenza la “concisa esposizione delle ragioni di fatto e di diritto della decisione”, in tal modo fugando il dubbio che la brevità di una decisione si traduca in carenza di motivazione.

Tale norma, modificata dalla Legge n. 69/2009, richiama l’art. 118 delle disp. att., il quale precisa in che termini debba essere intesa la concisione che il legislatore raccomanda.

E’ quindi sufficiente che il giudice si pronunci sui punti salienti dell