Start up e PMI innovative: ravvedimento operoso per mancato deposito dell’attestazione requisiti

di Cinzia De Stefanis

Pubblicato il 24 settembre 2020

Il 31 luglio 2020 scadeva per start up e PMI innovative il termine per comunicare alle rispettive Camere di Commercio la richiesta di attestazione di mantenimento requisiti. Cosa succede in caso di mancato adempimento? Il Mise introduce l’istituto del ravvedimento operoso: quali sono le possibilità per chi ha perso la scadenza originaria?

Ravvedimento operoso mancato deposito attestazione requisiti: inquadramento

Ravvedimento operoso mancato deposito attestazione requisitiApertura del Ministero dello Sviluppo Economico all’applicazione del principio del ravvedimento operoso, per le start up e Pmi innovative che al 31 luglio 2020 non hanno depositato, presso le Camere di Commercio territoriali, la richiesta attestazione di mantenimento dei requisiti.

Questo è l’importante principio contenuto nella circolare Mise del 10 settembre 2020 prot 207599.

Per approfondire...Costituzione e modifica di start up innovative

 

Sintesi

Quesito posto dal Mise all CCIAA

In particolare il quesito posto dalle Camere di Commercio al Ministero dello sviluppo e