Le indagini finanziarie sull’amministratore di condominio e l’onere della prova

Le indagini bancarie sugli amministratori di condominio non possono essere estese ai conti correnti dedicati e intestati ai singoli condomìni.

indagini finanziarie amministratore condominioLe indagini finanziarie nei confronti di un amministratore di condominio non possono essere estese ai conti correnti dedicati e intestati ai singoli condomìni per il solo fatto che egli abbia la delega ad operare sugli stessi.

Incombe all’Amministrazione finanziaria la prova, anche presuntiva, che tali conti siano stati utilizzati per occultare operazioni fiscalmente rilevanti.

E’ questo il principio di diritto che si può trarre dalla recente Ordinanza della Cassazione n. 3211 dell’11 febbraio 2020.

 

Indagini finanziarie su amministratore di condominio: il fatto

La controversia che occupa i giudici di Piazza Cavour, scaturisce dal ricorso in Cassazione proposto dall’Agenzia delle Entrate nei confronti di una pronuncia della Commissione Tributaria della Campania, la quale aveva accolto parzialmente l’appello proposto da un’amministratrice professionale di condominio.

In particolare, i giudici campani di secondo grado avevano annullato l’avviso di accertamento emesso, ai fini IRPEF, IVA e IRAP per l’anno 2011, utilizzando le risultanze dei conti correnti bancari intestati ai singoli condomìni amministrati dalla contribuente e sui quali la stessa aveva la delega ad operare.

L’ordinanza della Cassazione ha confermato la decisione dei giudici campani ritenendola immune dai vizi sollevati dall’Agenzia delle Entrate.

 

Le ragioni della decisione: a chi spetta l’onere della prova

Gli Ermellini poggiano la decisione – che riguarda prevalentemente l’individuazione del soggetto su cui ricada l’onere della prova nell’ipotesi di accertamenti emessi, all’esito di indagini bancarie di cui all’art. 32 d.p.r. 600/1973 e all’art. 51 comma 2 n. 2 d.P.R. n. 633/1972, nei confronti di terzi non intestatari dei conti – sulla giurisprudenza più recente.

I precedenti citati nella pronuncia in commento, seppure relativi a fattispecie in parte differenti, sono da ricondurre a quel filone giurisprudenziale di cui è espressione anche la recente pronuncia sempre della Cassazione n. 2386 del 2019 (richiamata nell’ordinanza) nella quale si statuisce:

“in tema di accertamenti bancari, l’art. 32, comma 1, n. 1 e 7 d.P.R. n. 600 del 1973 (in materia di imposte dirette) e l’art. 51, secondo comma, numeri 2 e 7 del d.P.R. 26 ottobre 1972, n. 633 (in materia di IVA) – che accordano all’ufficio il potere di richiedere agli istituti di credito notizie dei movimenti sui conti bancari intrattenuti dal contribuente e di presumere la loro inerenza ad operazioni imponibili, ove non si deduca e dimostri che i movimenti medesimi siano stati conteggiati nella dichiarazione annuale o siano ricollegabili ad atti non soggetti a tassazione – trovano applicazione unicamente ai conti intestati o cointestati al contribuente, e non con riguardo a conti bancari intestati esclusivamente a persone diverse, ancorché legate al contribuente da vincoli familiari o commerciali, salvo che l’ufficio opponga e poi provi in sede giudiziale che l’intestazione a terzi è fittizia o comunque è superata in relazione alle circostanze del caso concreto, dalla sostanziale imputabilità al contribuente medesimo delle posizioni creditorie e debitorie annotate sui conti (cfr., e pluribus, Cass. n. 14089/2017; n. 11145/2011)”.

Sul punto dell’estensione a terzi delle indagini finanziarie, invero, una parte della giurisprudenza di legittimità ritiene che l’Ufficio possa procedere all’accertamento fiscale anche attraverso indagini su conti correnti bancari formalmente intestati a terzi quando si ha motivo di ritenere che siano connessi ed inerenti al reddito del contribuente, ipotesi questa, ravvisabile nel rapporto familiare o in generale in una vicinitas al soggetto indagato, sufficiente a giustificare, salvo prova contraria, la riferibilità al contribuente accertato delle operazioni riscontrate su conti correnti bancari degli indicati soggetti [1].

Altra parte della giurisprudenza, più rigorosa:

invece, non reputa…

Contenuto disponibile esclusivamente agli utenti abbonati
Per continuare a leggere il contenuto di questo articolo è necessario essere abbonati. Se sei già un nostro abbonato, effettua il login attraverso il modulo di autenticazione posto in cima alla pagina. Se non sei abbonato o ti è scaduto l'abbonamento, che aspetti?
Condividi:
Maggioli ADV
Gruppo Maggioli
www.maggioli.it
Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it www.maggioliadv.it