La nota di variazione emessa in tempo obbliga il ricevente a registrarla in contabilità

La nota di variazione, emessa nel giusto termine, legittima l’emittente alla detrazione dell’IVA, e, al contempo, obbliga il ricevente alla sua registrazione.

LA NOTA DI VARIAZIONE IVA

La nota di variazione, emessa nel giusto termine, legittima l’emittente alla detrazione dell’IVA, e, al contempo, obbliga il ricevente alla sua registrazione.
Lo ha precisato l’Agenzia delle entrate, con il principio di diritto (?) n. 5 del 14 febbraio 2020.

Riguardo i tempi concessi ai contribuenti: il diritto alla detrazione può essere esercitato, al più tardi, con la dichiarazione IVA relativa all’anno in cui il diritto alla detrazione Iva è sorto ed alle condizioni esistenti al momento da cui si può esercitare il diritto medesimo.

Viene, dunque, rimarcato che, nel caso in cui si verifichino i presupposti per l’emissione della nota di variazione in diminuzione ai fini Iva (come previsto dall’art. 26 del D.P.R. 633/1972, che richiama il successivo art. 19), il diritto alla detrazione può essere esercitato, al più tardi, con la dichiarazione Iva relativa all’anno in cui il esso è sorto e alle condizioni esistenti al momento da cui si può esercitarlo.

La nota di variazione, emessa entro tale termine, legittima l’emittente alla detrazione della relativa Iva, che in origine era stata addebitata per rivalsa, ed obbliga il ricevente alla registrazione della stessa (art. 26, comma 5, D.P.R. 633/1972).

17 febbraio 2020

Vincenzo D’Andò

 

Questa informazione è tratta dal Diario Quotidiano di Commercialista Telematico

 

Potrebbe forse interessarti anche questo approfondimento: Note di variazione IVA nelle procedure concorsuali e procedure esecutive, vediamo le regole

Condividi:
Maggioli ADV
Gruppo Maggioli
www.maggioli.it
Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it www.maggioliadv.it