Nuova Sanatoria IRS: ora può sanare anche chi ha rinunciato alla Cittadinanza o è senza SSN

La Relief Procedure è una nuova Sanatoria proposta dall’IRS per deve sanare debiti d’imposta con il Fisco USA nei casi in cui abbia già rinunciato alla Cittadinanza o non abbia il SSN (Social Security Number). Ecco come funziona la nuova sanatoria per i cittadini americani residenti in Italia.

L’Internal Revenue Service (IRS) ha recentemente rilasciato una nuova procedura di Disclosure che, per certi versi, può essere vista come alternativa alle procedure Streamlined Domestic e Foreign.

Questa procedura, che si chiama Relief Procedure, consiste in una sorta di Streamlined più ampia (sono maggiori le annualità da sanare) e si caratterizza per il fatto di rivolgersi ai soggetti che hanno già rinunciato alla Cittadinanza Americana o che intendono farlo a breve.

Questa opportunità è aperta anche a coloro che sono sprovvisti di Social Security Number (SSN).

Vediamo come funziona e quali sono le principali problematiche applicative.

 

Nuova Sanatoria IRS Relief procedure

Relief Procedure, la nuova Disclosure messa a punto dall’IRS

 

Iniziamo subito col dire una cosa importante sull’IRS: questa nuova “Disclosure” non è assolutamente uno sconto o una riduzione di adempimenti rispetto a ciò che è stato fatto finora. Anzi.

E’ una procedura più complessa ed ampia rispetto alle due classiche Streamlined Procedure (Domestic e Foreign) dato che le Streamlined Procedures richiedevano la compilazione di 9 dichiarazioni fiscali (3 Tax Returns e 6 modelli FBAR), mentre questa nuova Disclosure è così composta:
 

  • Tax Return: 6 anni, compreso l’anno di rinuncia alla Cittadinanza;
     
  • Fbar: 6 anni, compreso l’anno di rinuncia alla Cittadinanza.

 

Pertanto il pacchetto di questa nuova Disclosure raggiunge le 12 dichiarazioni contro le 9 della Streamlined.

 

Niente sconti sui debiti d’imposta

Seconda annotazione: i debiti d’imposta, qualora emergano, devono essere pagati tutti per intero: non ci sono sconti di sorta.
 
Pertanto non c’è alcuna differenza rispetto alla Streamlined a tal proposito.

 

Nessuna sanzione e nessun interesse

Terza annotazione: anche in questa Sanatoria, come nelle Stremalined, non è imposto il pagamento di alcuna sanzione.

La presentazione della “Relief procedure” comporta l’impossibilità per l’IRS di chiedere le sanzioni e gli interessi per tutti gli anni accertabili.

 

Differenze tra Relief Procedure e Streamlined

 

Quarto punto: le differenze con le Streamlined procedure sono le seguenti:

 

A) La nuova sanatoria è destinata a chi ha già rinunciato alla Cittadinanza Americana

 

Questa nuova Sanatoria è destinata a soggetti che hanno già rinunciato alla Cittadinanza pur non avendo avuto l’accortezza di rispettare la legge, e cioè di presentare i 5 anni di Tax Return e di Fbar precedenti alla data di rinuncia della Cittadinanza.
 
Pertanto questa Sanatoria permette di sistemare la propria posizione fiscale con l’IRS a tutti coloro che, inconsciamente o comunque non volontariamente avevano rinunciato senza essere in regola con l’IRS.
 
Questo è un punto di novità, dato che con la Streamlined non era possibile sanare qualora il soggetto avesse già rinunciato alla Cittadinanza.
 
Questa prima novità è un elemento importante perché fa capire che l’IRS non ha nessuna intenzione di lasciare andare “impunemente” i soggetti che hanno rinunciato alla Cittadinanza senza aver sistemato la propria posizione fiscale.

B) Dopo l’adesione alla sanatoria non si mantiene la Cittadinanza

 

E’ comunque necessario aver rinunciato alla Cittadinanza per poter aderire alla Sanatoria.
 
Pertanto questa Disclosure non può essere adatta a coloro che intendono continuare a mantenere la Cittadinanza o la Green Card.
 
Presentare la “Relief Procedure” significa aver già rinunciato alla Cittadinanza. Pertanto si tratta di un processo di irreversibile uscita.
 
La novità rispetto alle Streamlined consiste nel fatto che prima il soggetto sanava ma poi poteva decidere se mantenere la Cittadinanza o meno. 
 
Se decideva di rinunciare, doveva presentare altre due annualità di dichiarazione fiscale e dunque il processo di rinuncia alla Cittadinanza era più lungo temporalmente, pur mantenendosi uguale il numero di dichiarazioni da presentare.
 
Con questa Disclosure si cerca di venire incontro a coloro che vogliono rinunciare alla Cittadinanza impacchettando in una unica Sanatoria tutti gli adempimenti fiscali necessari per poter chiudere subito la pratica.
 
Nella sostanza, la Sanatoria è più ampia di prima proprio per poter includere quelle informazioni che in precedenza venivano presentate negli anni successivi alla Streamlined.

 

C) La nuova Sanatoria è rivolta anche a chi non ha il Social Security Number (SSN)

 

Proprio per facilitare il passaggio di cui sopra, cioè agevolare temporalmente chi vuole uscire, la procedura può essere presentata anche da un soggetto sprovvisto di Social Security Number (SSN). 
 
Questo è un elemento di novità importante, dato che in precedenza si assisteva ad una procedura che portava prima a richiedere il SSN, dovendo attendere dei mesi, poi a fare la Streamlined e poi a fare le due Dichiarazioni annuali successive per poter finalmente fare la rinuncia alla Cittadinanza.
 
Su questo punto però ci sono ancora alcuni dubbi applicativi, in relazione al fatto che le istruzioni dell’IRS prescrivono di lasciare semplicemente in bianco lo spazio destinato al SSN sui Form da compilare.
 
Qui però c’è da dire che il SSN dava una garanzia di certezza che ci fosse identificazione certa ed univoca del soggetto che presentava la Sanatoria, cosa che ora non c’è dato che ci si deve rifare ai dati anagrafici.
 
I casi di omonimia o di errata indicazione dei nomi in America o nei Registri Anagrafici Americani è molto frequente, pertanto ci sono alcuni dubbi da risolvere.

 

Requisiti di accesso alla nuova Relief Procedure dell’IRS

 

Quinto punto: la Sanatoria in questione ha alcune precondizioni per poter essere fatta.

Riserveremo uno dei prossimi post all’analisi precisa di questi requisiti, che sono molto importanti.

tre requisiti più rilevanti sono i seguenti:
 

  1. il totale del debito d’imposta per tutti i sei anni di Tax Return presentati non può essere superiore a 25.000 dollari;
     
  2. ci deve essere stata “Non Willfulness” nel non adempiere e nel rinunciare senza essere stati in regola col Fisco Americano. Questa condizione è la classica presente anche nella compilazione delle Streamlined;
     
  3. per chi ha già rinunciato, la possibilità di sanare è ammessa solo se la Rinuncia è avvenuta dopo il 18 Marzo 2010, data di entrata in vigore della legge FATCA negli Stati Uniti.

 

In un prossimo articolo analizzeremo in dettaglio le caratteristiche tecniche e le condizione di “elegibility” per poter aderire a tale nuova Disclosure.

Per ora la sintesi che possiamo fare si impernia su questi due punti:

 

  • l’IRS ha mandato un chiaro segnale a coloro che hanno già rinunciato alla Cittadinanza senza aver adempiuto alle obbligazioni fiscali previste, nel senso che si aspetta da questi la Sanatoria Fiscale;
     
  • l’IRS ha voluto agevolare chi vuole rinunciare più velocemente, senza passare dalla richiesta del SSN.

 

A cura di Enrico Povolo

www.fatcacittadiniamericani.com

Sabato 21 Dicembre 2019

Condividi:
Maggioli ADV
Gruppo Maggioli
www.maggioli.it
Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it www.maggioliadv.it