ISA 2019: focus sulla compilazione del campo Note Aggiuntive

In merito agli indici ISA merita un approfondimento specifico la compilazione del campo “Note aggiuntive” del modello. Ci soffermiamo anche sui casi pratici di compilazione del campo e sulle possibili cause giustificatrici.

Come noto, il campo “note aggiuntive” è utile al contribuente al fine di indicare le ragioni per le quali si ritiene che gli indici di affidabilità non siano in grado di fotografare in maniera corretta l’attività lavorativa con lo scopo di giustificare “eventuali situazioni di anomalie e non normalità” .

Tuttavia leggendo letteralmente le istruzioni agli indici ISA sorgono dubbi circa l’opportunità ovvero la necessità di compilazione delle “note aggiuntive” tenendo in considerazione che, come ribadito dalla stessa Agenzia delle entrate con la Circolare 17/E/2019, l’introduzione degli ISA ha come scopo l’emersione spontanea di basi imponibili e stimolare l’assolvimento degli obblighi tributari da parte degli stessi contribuenti.

Gli ISA sono un mero strumento di selezione delle posizioni dei contribuenti da sottoporre a controllo utilizzando però anche altre metodologie a disposizione dell’Amministrazione finanziaria (indagini finanziarie, accertamenti analitici o analitico-induttivi, ecc.).

 


Nota: si rammenta che l’Agenzia delle Entrate e la Sose durante incontri ufficiali hanno caldeggiato la compilazione del campo “note aggiuntive” del modello ISA per giustificare le possibili anomalie nei confronti degli indici di affidabilità che, come noto, in molti casi non sono modificabili da parte del contribuente.

Da ultimo si rammenta quanto esplicitato dall’Agenzia delle entrate il 5 settembre 2019 in occasione del Video Forum Fiscale organizzato dal Consiglio nazionale dei consulenti del lavoro: “ai fini ISA assume grande valore la compilazione delle “note aggiuntive ai modelli “ al fine di indicare eventuali situazioni particolari e fornire elementi preziosi per l’Amministrazione finanziaria nell’ambito delle attività di selezione dei contribuenti eventualmente da sottoporre a controllo”.


 

ISA indici sintetici affidabilità fiscale 2019

Volendo poi approfondire l’argomento, le stesse istruzioni alla compilazione dei modelli ISA prevedono obbligatoriamente la compilazione del campo “note aggiuntive” nel solo caso in cui il contribuente assoggetterà a IVA i maggiori componenti positivi indicati per migliorare il proprio profilo di affidabilità fiscale non sulla base dell’aliquota media (presunzione relativa) ma sulla base di una diversa aliquota (nel caso di specie il contribuente deve fornire prova contraria all’interno della sezione “note aggiuntive” in merito all’applicazione della nuova aliquota IVA).

 

 


Nota: contrariamente agli ISA, si rammenta che i vecchi studi di settore hanno invece rappresentato un vero e proprio strumento di accertamento.

In tal caso la compilazione del campo “note aggiuntive” forniva una sorte di “giustificazione” della non congruità in sede di contraddittorio obbligatorio con l’amministrazione finanziaria ed era proprio previsto dalle relative istruzioni al fine di indicare le cause che avevano determinato l’attestazione della non congruità dei ricavi o dei compensi dichiarati rispetto a quelli derivanti dall’applicazione degli studi di settore ovvero delle cause che giustificavano un’incoerenza rispetto agli indicatori economici individuati dagli studi stessi.


 

 

Compilazione del campo Note aggiuntive del modello ISA

 

Fatto salvo tutto quanto detto in premessa appare pertanto interessante valutare la compilazione del campo “note aggiuntive” del Modello ISA tenendo in considerazione i seguenti punti principali:

 

1) Compilazione del campo “Note aggiuntive” con funzione di fotografare l’annualità lavorativa 

In presenza di non affidabilità fiscale ad alcuni indici appare interessante compilare le note al fine di rammentare (anche a distanza di anni) le cause o i fatti che potrebbero aver contribuito a tali disfunzioni (anche l’amministrazione sarebbe già in possesso di alcune informazioni prima di procedere con eventuali accertamenti).

 

2) Anomalie relative a indicatori che utilizzano i dati “precaricati” non modificabili

La…

Contenuto disponibile esclusivamente agli utenti abbonati
Per continuare a leggere il contenuto di questo articolo è necessario essere abbonati. Se sei già un nostro abbonato, effettua il login attraverso il modulo di autenticazione posto in cima alla pagina. Se non sei abbonato o ti è scaduto l'abbonamento, che aspetti?
Condividi:
Maggioli ADV
Gruppo Maggioli
www.maggioli.it
Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it www.maggioliadv.it